Iscriviti alla Newsletter:
Home
Principessa Mafalda - Titanic Italiano
Martedì 20 Luglio 2010 14:17

Garibaldi Luciano - Giorgerini Giorgio - Magnani Bosio Enrica
PRINCIPESSA MAFALDA
TITANIC ITALIANO

Il più grave disastro passeggeri italiano: le verità nascoste dal 1927 a oggi sul naufragio della nave Principessa Mafalda
A cura di Riccardo Garosci
Prefazioni di Sandro Bondi e di Emanuele Filiberto di Savoia
Introduzione di Alberto Bauli
175 pp. - ill. b/n e a colori - ril. con sovracc. a colori - ed. 2010
De Agostini Editore - Monografie


principessa_mafalda_titanic_italianoIl 25 ottobre 1927 poco lontano dalle coste del Brasile si inabissa il Principessa Mafalda, una delle più grandi e prestigiose navi passeggeri italiane. Cosi importante da portare il nome della secondogenita di Re Vittorio Emanuele III. Vent'anni prima una nave gemella, il Principessa Jolanda (dal nome della primogenita dei sovrani) era addirittura affondata il giorno stesso del varo, davanti ai cantieri di Riva Trigoso. Incidente? Errore? Qualcuno parlò - e se ne riparlerà anche per il Mafalda - persino di sabotaggio. Ma come mai del disastroso naufragio nelle acque dell'Oceano Atlantico non si sa quasi nulla? Registrò un numero di vittime dieci volte superiore a quello dell'Andrea Doria ma i suoi 314 morti - gran parte dei quali emigranti settentrionali in cerca di una nuova vita in Sudamerica furono rapidamente dimenticati. Il fatto è che non potevano essere "raccontati": ragioni politiche ed esigenze commerciali indussero infatti a nascondere le responsabilità, concentrando le attenzioni sull'eroismo del comandante e dell'equipaggio. Cento storie nella storia si intrecciano come in un romanzo, compreso un misterioso tesoro in monete d'oro, scomparso forse appena prima del naufragio, avvenuto con l'analogia dell'orchestra che suona mentre la nave affonda, proprio come sul Titanic... La tragica sequenza non si interrompe con il Mafalda. L'epilogo si ebbe nel 1944, quando la Principessa che aveva dato il nome alla nave morì in un campo di concentramento. 

Scritto da Riccardo Garosci   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna