Iscriviti alla Newsletter:
Home
AMIANTO E (IN)GIUSTIZIA: la scienza è neutrale?
Domenica 24 Marzo 2019 17:23
dike.jpg 
 
http://www.associazioneitalianaespostiamianto.org/amianto/amianto-e-ingiustizia-convegno-a-milano

Milano, 22 marzo 2019

“Amianto e (in) giustizia”: è questo il tema cruciale al centro del convegno che si è tenuto il 22 marzo a Milano, ore 9:30, Sala Vitman Acquario Civico, in Viale Gadio 2 (MM linea 2 Lanza). Obiettivo: accendere i riflettori e fare chiarezza su una tragedia che provoca in Italia migliaia di vittime all’anno e in cui la Lombardia ha purtroppo il triste primato di essere “capofila”, come regione con il numero di morti per amianto in assoluto il più elevato, non solo fra i lavoratori delle aree industriali, ma anche fra la popolazione civile, spesso ignara della presenza di amianto nelle stesse città, lo dicono i numeri e le statistiche, ma se ne parla troppo poco. Organizza il CAL, Coordinamento Amianto Lombardia, di cui fanno parte diverse associazioni, movimenti e sindacati, in collaborazione con “Milano in Comune”.

“E’ un dramma che ci riguarda tutti ed è urgente e necessario attuare tutte le strategie e interventi possibili – Fulvio Aurora, responsabile vertenze giudiziarie di Medicina Democratia- affinchè l’amianto, un killer silenzioso e subdolo, che manifesta la sua azione mortale anche a distanza di decenni dalla esposizione, venga finalmente tolto di mezzo dalla nostra città e dalla Regione”. Dopo i saluti istituzionali e l’introduzione di Basilio Rizzo, Milano in Comune, sono previsti gli interventi di esperti e scienziati, ricercatori e giuristi: Morando Soffritti, medico Istituto Ramazzini di Bologna; Edoardo Bai, medico del lavoro ISDE; Vittorio Agnoletto, medico del lavoro Medicina Democratica; Laura Mara e Simone Vallese, avvocati di parti civili e Luca Masera, docente di Diritto Penale Università di Brescia. Previste le testimonianze toccanti dei familiari delle vittime. Modera il dibattito Margherita Napoletano, coordinatrice CAL.

Nella Regione più industriale d’Italia l’amianto è stato largamente impiegato, nelle attività industriali ma anche in quelle civili, come nel caso clamoroso del Teatro alla Scala, contro cui è appena iniziato, in ordine di tempo l’ultimo processo in primo grado, che lascia stupefatti i milanesi, ma anche tutto il mondo, data la sua importanza e notorietà. Alla Scala, come in tanti altri teatri, si usava l’amianto che ha colpito lavoratori, orchestrali e cantanti. “Ci si augura- aggiunge Fulvio Aurora- che questa notorietà venga utilizzata, non solo per rendere giustizia alle vittime e punire i responsabili, ma per dire, con fatti concreti, basta alla presenza di amianto a Milano e in Lombardia”! Per questo il 26 febbraio, in occasione della prevista udienza, c’è stato un presidio davanti al Teatro alla Scala, con la partecipazione della Banda degli Ottoni, udienza però rinviata al 27 marzo. Ma questo è solo uno dei tanti processi per amianto: proprio il 21 marzo è attesa la sentenza del processo d’appello contro la ex Fibronit di Broni (PV), dove c’è stato il maggior numero di deceduti per amianto della Regione Lombardia. Vittime non solo i lavoratori della Fibronit, ma anche i cittadini, fra cui molte donne, di Broni, Stradella e altri comuni prossimi ad essa. C’è speranza e allo stesso tempo molta preoccupazione: nel Tribunale di Milano, V Sezione Penale, ci sono stati tanti processi per amianto, ma tutti risolti con assoluzioni piene per gli imputati. Questo in base ad alcune tesi, considerate pseudoscientifiche da gran parte degli studiosi a livello mondiale, ma che servono per assolvere gli imputati in quanto la condanna deve essere “al di là di ogni ragionevole dubbio”.

Per info:
Carmìna Conte, cell 39313 77616

Fulvio Aurora, cell.  3392516050

FIBRONIT BRONI: CONFERMATE CONDANNE MORTI AMIANTO

 

http://www.associazioneitalianaespostiamianto.org/eventi/fibronit-broni-confermate-condanne-morti-amianto

 

Pubblicato il 22 marzo 2019

 

Grande soddisfazione di Medicina Democratica, AIEA, l’Associazione Italiana Esposti Amianto  e del  CAL, Coordinamento Amianto Lombardia, per la sentenza emessa ieri pomeriggio  dalla Corte d’Appello di Milano che ha confermato le condanne stabilite in primo grado dal Tribunale di Pavia contro gli imputati, dirigenti ex Fibronit di Broni  per circa 200 decessi, causati dall’amianto, fra i lavoratori ma anche fra la popolazione civile:   Michele Cardinale, condannato a 3 anni e 10 mesi   e Lorenzo Mo a 3 anni,

 “Con questa sentenza, la giudice, dott.ssa Giovanna Ichino, ha interrotto la lunga sequela di assoluzioni emesse dalla V sezione penale del Tribunale di Milano.   Possiamo dire che finalmente c’è un minimo di giustizia per i troppi morti per amianto della Fibronit, oltre 200!”, hanno dichiarato Fulvio Aurora, responsabile vertenze giudiziarie di Medicina Democratica e Maura Crudeli, presidente nazionale AIEA, costituiti come parti civili in questo come in altri processi simili, in corso in varie parti d’Italia.

La sentenza di oggi, la prima del genere a Milano, che di fatto, salvo qualche prescrizione, interrompe la sequenza di assoluzioni di questi ultimi anni, apre nuovi scenari e offre nuove speranze a quanti si battono per il riconoscimento delle responsabilità per i tanti decessi causati dall’amianto fra i lavoratori e anche fra la popolazione civile, che fanno della Lombardia la Regione con il più alto numero di morti in Italia.

Anche di questo si parlerà oggi, venerdì 22 marzo, al convegno preannunciato nei giorni scorsi “Amianto e (in) giustizia: la scienza è neutrale?”: “L’avvocata di parte civile Laura Mara, protagonista del processo in rappresentanza delle parti civili- hanno sottolineato Fulvio Aurora e Maura Crudeli- entrerà nel vivo della vicenda e potrà illustrarne i diversi passaggi, e potrà spiegare il perché della sua e della nostra gioia!”  Appuntamento, quindi, alle ore 9:30, Sala Vitman Acquario Civico, in Viale Gadio, 2 (MM linea 2 Lanza).

 

Ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30.06.03 (Codice Privacy), le informazioni contenute nella presente comunicazione sono riservate e ad uso esclusivo del destinatario. La diffusione, distribuzione e/o fotocopiatura del presente documento ed eventuali allegati da parte di qualsiasi soggetto diverso dai destinatari è proibita; tale divieto di diffusione è sanzionato sia dall'art. 616 c.p. (violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza) che dal D.Lgs. 196/03. Qualora il messaggio fosse pervenuto per errore, La preghiamo di eliminarlo senza copiarlo ovvero inoltrarlo a terzi, dandocene gentilmente immediata comunicazione.

 

-- invito a sostenere AIEA Onlus devolvendo il 5 x 1000 nella tua dichiarazione dei redditi. Inserisci nel settore Volontariato il Codice Fiscale: 9 7 4 3 0 7 8 0 1 5 1

 

mario

 
Scritto da Mario Murgia vicepresidente nazionale di AIEA   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna