Iscriviti alla Newsletter:
Home
39° Anniversario attentato terroristico “ Nessuno tocchi Caino- Nessuno dimentichi Abele”!
Martedì 26 Marzo 2019 10:30

062055905-b9e3fdab-2747-4790-9a00-1966d9e72c80.jpg

Quello che era un male ieri non è un bene oggi e l’assassinio politico rimane tale “ora e sempre”

 

39 Anni fa, il 1° Aprile 1980 le brigate rosse della colonna Walter Alasia condannarono  a morte me ed altri tre amici democristiani durante l’attentato terroristico compiuto alla sezione DC di via Mottarone 5 a Milano, in un’azione di rappresaglia per l’uccisione di quattro terroristi il 28 Marzo in via Fracchia

a Genova da parte dei carabinieri dell’antiterrorismo. Quando il giovane brigatista, imbavagliato e incappucciato, mi prescelse per il rito dell’esecuzione sommaria assieme ad altri tre amici di partito osai rivolgergli la parola dicendogli: “Non spararmi  ho moglie e due figli di 7 e 10 anni”.

La risposta del terrorista fu quella di puntarmi la pistola alla tempia sinistra, urlando: “Inginocchiati Stronzo! ”.

Poi insieme ad altri tre amici fui sospinto in fondo alla parete della sala per il rito dell’esecuzione, al quale assistevano atterriti una quarantina di soci  ammutoliti. Il commando delle brigate rosse, composto da quattro terroristi, c’ingiunse d’inginocchiarsi, ma nessuno dei quattro lo fece, e allora ebbero un momento d’esitazione di fronte alla presenza del pubblico che assisteva alla macabra scena. Per fortuna anziché mirare alla testa come avevano deciso, i

terroristi esplosero i colpi delle armi da fuoco mirando alle gambe e non alla testa.

Fu la nostra salvezza!

Gli anni di piombo sono tuttora una “Ferita aperta” e le vicende dei terroristi fuorusciti e il caso emblematico di Cesare Battisti del Pac confermano quanto sia difficile chiudere la stagione degli “Anni di Piombo”., quando la consapevolezza del male compiuto e il ravvedimento sono troppo tardivi.

Ancora più difficile risulta la “riconciliazione” con gli ex terroristi che legittimano la lotta armata come rivoluzione possibile per trasformare la società italiana degli anni ’70 in una logica rivoluzionaria leninista e adducendo nobili ragioni all’eversione armata contro il nostro ordinamento  democratico scaturito dalla Costituzione Repubblicana. I terroristi non sono stati  né eroi, né nuovi partigiani per regalarci un mondo migliore con un regime comunista in Italia, ma sono “ora e sempre” da considerate delinquenti e assassini di vittime innocenti.

La lotta armata fu  una tragedia nazionale che provocò  489 vittime  e migliaia di feriti, seminando odio, violenza, fanatismi, omicidi, stragi  e distruzione dei valori umani, sociali e democratici.  Bene fa la nostra Costituzione a rieducare tutti i detenuti nelle carceri e anche i terroristi per recuperarli e integrarli  nella società.

Non è invece scritto nella nostra Costituzione un comma che  legittima la lotta armata, dia un riconoscimenti a chi ha commesso delitti politici e tanto meno

preveda di mettere in cattedra gli ex terroristi, come spesso accade nella realtà della situazione politica di ieri e di oggi.

Oggi assistiamo con sgomento a terroristi che continuano a  predicare il mito rivoluzionario della lotta armata con le loro convinzioni da irriducibili e sono anche invitati a partecipare ad iniziative culturali, convegni e lezioni educative salendo in cattedra persino in ambienti istituzionali per parlare della lotta armata come pentiti, dissociati o nostalgici di un stagione di odio e di violenza.

Gli  ex terroristi hanno la pretesa di educare il giovani alla legalità, alla non violenza, al rispetto della vita umana  e questo non è scritto nella nostra Costituzione, ma solo nella mente dei perdonisti ad ogni costo che  accusano lo Stato di detenzione della violenza carceraria e di pene ingiuste comminate

 ai protagonisti degli anni di piombo equiparati nelle sofferenze alle vittime.  Molti cosiddetti “pentiti o dissociati” cercano sempre la giustificazione dell’ assassinio politico in nome di un fanatismo ideologico e in virtù di una presunta giustizia riparativa che di fatto legittima la lotta,  equiparando vittime e carnefici in un unico concetto di sofferenza e d’ingiustizia patita: le vittime con l’uccisione dei loro cari, i carnefici con la carcerazione inflitta da uno Stato detentore assoluto della violenza, per cui viene chiesta l’abolizione carceraria per sostituirla con l’utopia del sistema della giustizia riparativa che spesso aggrava i problemi e distorce la verità storica per mancanza di consapevolezza di chi commette il male e preferisce che il carcere sia anche un centro di educazione alla malavita e al non pentimento.

Capita spesso che i terroristi e gli artefici della campagna innocentista d’intellettuali compagni di merenda e firmatari di roboanti appelli e manifesti continuano a solidarizzare con gli assassini per denunciare la deriva liberticida e autoritaria succube dei servizi segreti deviati degli anni ’70, senza avere la consapevolezza che all’epoca i valori della libertà e della democrazia sono stati salvaguardati dai partiti politici di governo che hanno combattuto e sconfitto kle trame eversive di estrema destra stragista e di estrema sinistra rivoluzionaria.

L’allegata riflessione, lunga e barbosa da leggere, offre spunti al dibattito aperto su “Gli Anni di Piombo” e per quanto mi riguarda” Nessuno tocchi Caino, ma nessuno dimentichi Abele” e invito tutti al dovere della “Memoria per non dimenticare le vittime” ed è l’unico modo per farle rivivere tra noi.

Grazie per l’eventuale paziente lettura e molti cordiali saluti

Antonio Iosa – 39° Anniversario dell’attentato terroristico.

Scritto da Antonio Iosa del Direttivo nazionale Aiviter   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna