Iscriviti alla Newsletter:
Home
LA SIEPE E L'INFINITO
Giovedì 04 Aprile 2019 07:39

 

il_buio.jpg

VISUALIZZA COLLOQUIA UNDICESIMA EDIZIONE LA SIEPE E L'INFINITO

https://www.youtube.com/watch?v=uFV7n6YV-3k&t=930s

https://www.youtube.com/watch?v=sjYweqL3lZc

Gentilissime/i,

abbiamo avuto il piacere di assistere fino all’ultimo minuto al bellissimo e interessantissimo incontro, presso l’auditorium della Camera di Commercio di Foggia. Gli interventi dell’ ex Ministro della Giustizia Giovanni Maria Flick, della filosafa Donatella Di Cesare, e dell’ ex direttore di Repubblica Ezio Mauro, coordinati moderati dalla voce radiofonica, il giornalista Giorgio Zanchini. Abbiamo purtroppo dovuto constatare l’assenza dei giovani, la mancanza degli studenti delle scuole superiori e dell’università. I relatori, più a loro che a noi adulti hanno parlato, professionisti di grandissima esperienza e provata fede democratica. Un faro acceso per illuminare la metafora del buio oltre la siepe, che avvolge le democrazie, in particolare il nostro Paese. L’Italia si è notevolmente incattivita, una miscela di razzismo, fascismo e indifferenza, la stanno consumando. I giovani, come abbiamo visto nella manifestazioni di Milano e nelle piazze delle maggiori delle città, sono la speranza. Il nostro compito è di portarli li dove si parla di storia, di passato, di presente e di futuro. “ Senza memoria non c’è verità non c’è futuro “ .

DSCN0977.jpg

Dovere dei dirigenti scolastici è spronarli, accompagnarli di persona, far conoscere loro la realtà, con i docenti di storia e filosofia, di diritto ai convegni, spiegare loro la Costituzione, articolo per articolo, spiegare che la democrazia va difesa giorno dopo giorno, premiare i più assidui e interessati. Senza i giovani studenti, la narrazione dei Flick, dei Di Cesare, dei Mauro, si perdono nei ricordi di noi della vecchia generazione. Il buio ha sempre fatto paura, il buio porta alla distruzione delle coscienze, il buio porta con se razzismo e dittature. Il film, Il buio oltre la siepe, con la magistrale interpretazione di Gregory Pek , è illuminante, la tragedia del razzismo in America, anche se si è scritto che l’attore durante la caccia alle streghe che va sotto il nome di maccartismo, fosse un delatore. La sostanza non cambia. Gli ostacoli, i muri offrono opportunità, quando li superi, hai vinto!

Abbiamo registrato gli interventi, fate vedere a scuola e all’università i filmati, solo attraverso l’insegnamento potremo avere una società più preparata, più giusta, più consapevole, più onesta!

 

DSCN0931.JPG

 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna