Iscriviti alla Newsletter:
Home
MILANO RICORDA UN EROE DELLA QUOTIDIANITA’ VITTIMA DEL DOVERE UCCISO DA CESARE BATTISTI NEL QUARTIERE BARONA PERIFERIA SUD MILANO
Martedì 16 Aprile 2019 16:25

INVITO_-_Andrea_Campagna-1.jpg

 

Si trasmette l’invito per  il 40° Anniversario dell’omicidio dell’agente di Polizia Andrea Campagna con la biografia allegata pubblicata sul sito AIVITER Lombardia Casa Memoria Milano. La ferita aperta sull’uccisione del “Ragazzo della Barona in via Modica” è una delle pagine più tristi del terrorismo e del caso Battisti che aveva il suo nucleo del PAC in questo quartiere della periferia sud-ovest di Milano. La narrazione della vicenda Battisti, un delinquente comune, convertitosi in carcere a Udine alla pratica della lotta armata col

suo gruppuscolo marginale nella storia degli anni di piombo è diventato famoso dopo l’uccisione della guardia penitenziaria Antonio SANTORO e l’uccisione di altre tre vittime da parte del PAC. La notorietà a livello nazionale e internazionale è dovuto alla sua arroganza e manifesta strafottenza durante la latitanza e le molteplici  connivenze d’intellettuali della sinistra salottiera italiana che  celebrava la rivoluzione proletaria tra “wisky e champagne” senza capire niente della classe operaia. La “Gauche francese parvenu au cavial”, al contrario, dimostrava tutta dimostrava  tutta la miseria umana, storica e culturale accogliendo e proteggendo gli assassini compresi i pluriomicidi.

In Italia i cattivi maestri  brindavano alla rivoluzione leninista con appelli infami contro il governo italiano repressivo e liberticida e solidarizzavano  con i terroristi assassini e delinquenti  alla Cesare Battisti, che da ladro divenne “compagna di merenda” della sinistra leninista.

Migliaia di svergognati intellettuali radical chic firmarono appelli contro Calabresi e a favore di Battisti, Petrella ed altri famosi terroristi in carcere o latitanti. Si pensi al lucido “Teorema” del Giudice Calogero di Padova per avere individuato la centrale del “partito armato nel gruppo Autonomia” e fu costretto a tacere perché gli intellettuali sinistrorsi e salottieri gridarono al complotto contro la democrazia e la libertà in Italia.

Nella ricostruzione storica degli “Anni di Piombo” si dimentica sempre che l’Italia non ha mai smesso di essere una democrazia con un sistema che ha sempre difeso i diritti degli imputati, anche quando i terroristi proclamavano: “la lotta armata non si processa” e uccidevano a Torino il loro difensore avv. Croce.

Gli infami fiancheggiatori  borghesi delle rivoluzione leninista, la cui ideologia minoritaria persiste tuttora, hanno dimenticato ch’è stata la Magistratura, in meno di 15 anni e con l’applicazione delle leggi, a garantire i processi, a darci una verità storica giudiziaria, a sancire la chiusura degli anni di piombo con la riconciliazione nazionale mettendo fuori dal carcere, pentiti, dissociati e irriducibili e vanificando le condanne all’ergastolo anche per i pluriomicidi.

L’Italia ha sempre rispettato la  Costituzione che prevede la rieducazione del reo da reinserire e integrare nella società, mal il percorso perdono-rieducazione dei terroristi, non deve mai significare legittimazione delle ragioni storiche dell’eversione contro l’ordinamento democratico dello Stato. Il terrorismo non fu guerra, ma infamia fanatica di delinquenti assassini pilotati dai cattivi maestri e da intellettuali  e componenti fanatiche della sinistra storica deviata e anticostituzionale che gridavano “né con lo Stato, né con le brigate rosse”!  Qualche svergognato si è tardivamente pentito di avere firmato proclami falsi e bugiardi dei teorici  della lotta armata e degli autori di reati terroristici.

 

ALLEGO

 Due articoletti il primo su “Il Giornale  dell’11 aprile e il secondo  su ABC in merito al Convegno  Nazionale su “L’eredità degli anni di piombo” fatto con l’Università Cattolica e la Fondazione Carlo Perini di Milano”.

Grazie delle lettura e spero di vederti alla Cerimonia del 20 Aprile per ricordare un figlio del popolo della civiltà contadina immigrato dal profondo Sud d’Italia  per motivi di lavoro ed è stato ucciso in un quartiere popolare e periferico di Milano che ha pagato un elevato contributo di sangue con oltre 80 vittime uccise per atti di terrorismo!

a. iosa

Scritto da Antonio Iosa   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna