Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Bambini travestiti da adulti
Bambini travestiti da adulti
Domenica 17 Ottobre 2010 14:46

 

raffaele_na-

Bambini dal volto di adulti, è questo il sinistro ossimoro che è divenuto la formula vincente di una delle trasmissioni di maggior successo della prima serata di Raiuno: “Ti lascio una canzone”. Una gara canora riservata rigorosamente a bambini dove ad essere premiato, secondo lo slogan ripetuto come un mantra  e per ciò stesso farsesca dicitura, non è l’interprete bambino ma la canzone. A condurre il tutto la cianciosa e onnipresente Antonella Clerici. Bambini dai sette ai 15 anni ridotti a fenomeni da baraccone che si esibiscono su un palco tra gli applausi compiacenti di genitori e spettatori affamati di voyeurismo mediatico. Cosa ha che fare l’esibizionismo con l’infanzia e la prima adolescenza è un mistero di cui non è dato sapere e di cui nessuno sembra apparentemente preoccuparsi. “Sono solo giovani talenti” è la giustificazione che solitamente si adduce allorquando ad intrattenere i grandi sono i bambini dimenticando forse che è dalla notte dei tempi che spetta agli adulti il compito di guidare e intrattenere i propri piccoli nel difficile percorso di crescita e non viceversa.  Li ho osservati a lungo questi “adulti” mascherati da bambini e ciò che ho provato mentre con le loro voci cantavano canzoni dal significato loro ignoto semplicemente perché non adatto alla loro età è stato nel contempo un sentimento di spaesamento e paura. Spaesamento per la totale noncahalance con cui la giuria di adulti commentava e analizzava le esibizioni dei piccoli talenti nell’afflato e partecipazione generale. Paura per un indifferenza collettiva dinanzi ad un simile obbrobio mediatico e sociale che avrà ripercussioni devastanti sull’Italia di domani. Una società che ai bimbi sottrae la spontaneità del g ioco imponendogli una più o meno maliziosa competizione è una società che cancella per sempre alcune delle tappe fondamentali nel percorso formativo di una persona: l’infanzia e la prima adolescenza. Una società che allena al divismo i propri piccoli è semplicemente una società i cui adulti di domani altro non saranno che insensibili automi inclini solo al culto spasmodico del successo e del denaro. Una società che cinica e indifferente al futuro dei propri figli non trova nulla di meglio che trastullarsi con le esibizioni canore dei propri piccoli è una società indegna di essere chiamata con questo nome. Un tempo i bambini raccontavano la spensieratezza dei propri anni con “Quarataquattro gatti” oggi cantano la durezza della vita con “Almeno tu nell’universo”. Tristi bambini travestiti da adulti disillusi.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna