Iscriviti alla Newsletter:
Home Giornata Nazionale della Memoria E' LEGGE DELLO STATO
E' LEGGE DELLO STATO
Mercoledì 31 Ottobre 2012 18:08

Sono le ore 14, 30 del 6 ottobre 2006, la I Commissione Affari Istituzionali presieduta dall' On. Donato Bruno dichiara chiusa la seduta, la proposta di legge D'iniziativa dei Deputati ROSSA, RUBINATO, BRESSA, CAPITANIO, SANTOLINI, DAL MORO, FOGLIARDI, FRONER, GIULIETTI, GOISIS, MARTELLA, MIOTTO, MOGHERINI, REBESAN, MURER, NACCARATO, PANIZ, REALACCI, ROSATO, TEMPESTINI, FEDERICO TESTA, VIOLA E ALTRI.

Istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime di tragedie causate dall'incuria dell'uomo e dalle calamità naturali.

Nuovo testo C. 3351 Rossa e abb.

(Discussione e conclusione - Approvazione).

E' LEGGE DELLO STATO, La Commissione approva, con votazione nominale finale, la proposta di legge C. 3351 Rossa, come modificata dalla Commissione nel corso dell'esame in sede referente, autorizzando inoltre la presidenza al coordinamento formale del testo approvato.

Il primo pensiero va a tutte le Vittime, ai loro familiari, ai sopravvissuti che si porteranno per tutta la vita le ferite, il trauma, il dolore, il ricordo dei propri cari, strappati alla vita dalla furia della natura, quella natura che l'uomo violenta e che inesorabilmente poi travolge uomini e cose. E' stata scelta la data del 9 di ottobre giorno della tragedia del Vajont, oltre 2100 vittime. Una catastrofe immane, indimenticabile per le scene che abbiamo visto in televisione, immagini che siamo stati costretti a rivivere, anche se in contesti diversi, Seveso, Stava, la Scuola di San Giuliano di Puglia e tante altre.Tragedie annunciate, perchè l'uomo tende a dimenticare. Era da tempo che pensavamo con il Presidente del Comitato Sopravvissuti del Vajont Micaela Coletti ad un risarcimento morale delle vittime, la Giornata Nazionale della Memoria risarcisce in parte i familiari e i sopravvissuti. Informammo del nostro desiderio il Presidente della Repubblica, rispose il Segretario Generale invitandoci a rivolgerci al Parlamento, ricordando le tante vittime degli errori dell' uomo, di cui la tragedia di Longarone costituisce una fra le testimonianze più problematiche. La legge è stata votata da tutto il Parlamento, in modo trasversale, dando al riconoscimento della Giornata il massimo di solennità. Una circolare del Ministero dell' Istruzione sensibilizzerà i docenti dell' importante riconoscimento.

Un grande grazie a quattro donne: Micaela Coletti e gli On. Sabina Rossa, Simonetta Rubinato, Annagrazia Calabria, senza la loro determinazione e forza d'animo difficilmente La giornata della Memoria sarebbe diventata legge. Sabina Rossa è nel mio cuore, così come il suo papà Guido Rossa, Veneto della provincia di Belluno, barbaramente ucciso dalle Br. Chi più di lei, che ha visto morire li a due passi, sotto i suoi occhi un uomo alto e forte, un alpinista, quelle Alpi che ritroviamo nella tragedia del Vajont.

Simonetta Rubinato è il Sindaco di Roncade in provincia di Treviso, ha gli occhi celeste come il colore del mare e del cielo delle mie parti, la Puglia, è sempre sorridente e disponibile ad ascoltare e a capire i bisogni degli altri. Il suo un grande contributo di esperienza e di passione.

Micaela Coletti e Gino Mazzorana vicepresidente del Comitato, ambasciatori impagabili, come Virgilio, mi hanno condotto per mano a Longarone lungo la strada della "memoria" fin su la montagna cosparsa di lapidi e di sacrari, ho letto ed osservato, ho capito cosa è il silenzio e il desiderio di meditare, i montanari parlano con la montagna, ascoltano il brusio, li ho ringraziati perché custodi di una storia unica al mondo, ho visitato con loro il Cimitero di Fortogna e le migliaia di croci. Un viaggio nella memoria il libro del fotoreporter Bepi Zanfron, ogni foto fa riflettere, perché ogni foto è una storia e tutte insieme la immane tragedia del Vajont.

Non conosciamo di persona la relatrice Annagrazia Calabria, sappiamo che è giovane, brava e molto sensibile, la ringraziamo per l'impegno e la passione, per aver condiviso un sogno.

Egr. Presidente On. Donato Bruno, La ringraziamo con tutto il cuore per aver dato un notevole contributo all'approvazione della legge in tempi relativamente brevi, averci invitati all' audizione in Parlamento, è stata per noi una grande emozione e soddisfazione, vedere premiato il nostro impegno da una alta carica del Parlamento, è stato grazie a Lei che abbiamo visitato Montecitorio, il luogo dove le idee e i progetti diventano legge. Grazie a tutti voi che la Giornata Nazionale della Memoria delle Vittime di tragedie causate dall' incuria dell' uomo e dalle calamità naturali, è legge dello Stato.

Con stima e affetto.

Mario Arpaia

Pres. Ass. Memoria Condivisa

Bari 8 Ottobre 2010

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail