Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Isochimica, uno scandalo dell’indifferenza
Isochimica, uno scandalo dell’indifferenza
Giovedì 07 Dicembre 2017 08:56

 isochimica-e1450202253564-817x404_c.jpg

Trasmetto un recente articolo dell’editoriale Buongiorno diretto Franco Genzale sul processo Isochimica di Avellino.

Di seguito una breve introduzione sul tema che potrebbe essere la più grave tragedia del centro-sud causata dall’amianto.

“Nel 1983 le Ferrovie dello Stato ordinarono la bonifica di locomotori e carrozze. L’appalto, per decine di miliardi, fu affidato alla Isochimica, un’azienda della provincia di Avellino.

Trecentotrenta giovani diplomati per decoibentare tremila carrozze senza misure di sicurezza e protezioni individuali. Sono stati rimossi oltre

20mila quintali di amianto che continua ancora oggi ad inquinare l’ambiente: l’amianto è nel cortile della fabbrica, ammassato nei capannoni, sversato nei fiumi, nelle campagne, dentro i boschi, nella pancia dell’Irpinia ed è finito purtroppo nei polmoni dei suoi figli che con la promessa del posto fisso, sono stati sfruttati da persone senza scrupoli e sacrificati ad un infausto destino”.

mario

Isochimica, uno scandalo dell’indifferenza

http://www.francogenzale.it/Isochimica-uno-scandalo-dell-indifferenza

Buongiorno Irpinia.

Ci vorrà tempo per la sentenza del caso Isochimica. Ma a mano a mano che il processo va avanti, vengono a galla verità sconcertanti che pongono alla coscienza collettiva di questa provincia, e a quella politico-istituzionale in modo specifico e particolare, una domanda: come è stato possibile che negli anni della scoibentazione delle carrozze dei treni a Borgo Ferrovia nessuno si sia accorto della estrema pericolosità di quella fabbrica maledetta?

La testimonianza resa nell’aula bunker del carcere di Poggioreale dal consulente medico-legale della Procura restituisce un dettaglio agghiacciante di una di quelle verità. “Nella mia carriera – ha detto Carmen Sementa – ho eseguito circa 700 autopsie: mai avevo visto una pleura come quella di Luigi Maiello”.

L’operaio Maiello è una delle tante, troppe vittime dell’Isochimica. “La pleura che ricopre i polmoni – ha spiegato Sementa, rispondendo alle domande del Procuratore Cantelmo – ha l’aspetto della pellicola usata per gli alimenti. Quella di Maiello, per consistenza e colore, era simile a una cotenna”.

Un dettaglio di verità che vale già una sentenza, e che invoca giustizia con una sentenza esemplare, se messo al raffronto con un altro dettaglio: il giro d’affari dell’ex Isochimica. In meno di sei anni – dal novembre ‘82 al giugno ‘89 – la società dei veleni ha ottenuto da Ferrovie dello Stato contratti per un ammontare complessivo di circa 71 miliardi di vecchie lire, una montagna di soldi alla valuta dell’epoca.

Di tutta questa ricchezza ha goduto soprattutto la proprietà dell’Isochimica. In proporzione, il lavoro dei dipendenti è costato molto poco: niente se calcolato al prezzo del rischio cui sono state esposte le maestranze. L’Isochimica ha pagato alla città il “pedaggio” dell’Avellino in serie A per il tempo in cui Graziano ne fu presidente. Probabilmente ha pagato anche le disattenzioni, ancorché inconsapevoli, della classe politico-amministrativa dell’epoca. Tuttavia, al netto di tutto ciò, ci ha guadagnato soltanto la società dei veleni.

Ed è qui che nasce spontanea l’altra domanda: possibile che nemmeno Ferrovie dello Stato sapesse del danno che si arrecava a tutti quei dipendenti Isochimica e all’ambiente di quella parte della città? Brutta storia. Tanto più brutta se si consideri che si trattò di una committenza pubblica. In certo senso, ricorrendo al paradosso, è come se i rifiuti proibiti in Terra dei Fuochi fossero stati smaltiti dallo Stato e non dalla camorra.

Altra ed ultima riflessione. Per troppi anni, prima che arrivasse Cantelmo in Procura, è sembrato che lo stesso Tribunale di Avellino avesse tenuto gli occhi chiusi sull’ Isochimica. Non per coprire le responsabilità di chicchessia: per carità, nemmeno a pensarlo. Più probabilmente per “l’indifferenza” che la cultura sociale cittadina, in tutte le stratificazioni istituzionali, sembra nutrire, magari anche qui inconsapevolmente, verso tutto ciò che è bene comune.

In questo, ancora una volta, non si può non convenire con il Procuratore Cantelmo quando dice che il nemico più pericoloso della convivenza civile della nostra comunità è proprio l’indifferenza.

http://www.francogenzale.it/

Certo è che la vicenda isochimica e ben lontano dalla sua conclusione...
 
il processo penale prosegue la sua strada con udienze mensili pur tuttavia ciò non ci mette al riparo da una incombente decorrenza dei termini che sarebbe devastante…. l’impunità dei responsabili rispetto ad una tragedia annunciata più precisamente costruita e studiata a tavolino da pochi avvoltoi, presenti fuori e dentro la “cosa pubblica”. A questo sono ridotti i dettami Costituzionali.
Non riuscire coniugare ancora una volta Verità e Giustizia sarebbe l’ennesimo plauso, all’arroganza, all’impunità, alla prevaricazione, al mondo che non vorremmo e che pure consegneremo ai nostri figli
La bonifica dell’ area ex isochimica che ancora una volta sta scivolando verso l’oblio, basta valutare i tempi trascorsi dai proclami politico elettorali e la situazione attuale, dell’area da bonificare.
La difesa della residua salute dei lavoratori, avviata, con norme fortemente volute dal governo che prevedevano l’accompagnamento alla quiescenza in quanto ha riconosciuto nella questione Isochimica una gravità, una drammaticità, per gli ex lavoratori, unica nel suon genere, bloccata da una burocrazia avversa alla norma stessa
La sorveglianza sanitaria non gestita né a livello centrale (Regionale) ne a livello locale, inesistente in alcune province inconcludente nelle altre. La mancanza assoluta di cooperazione tra gli istituti INAIL, INPS, E ASL ne sono l’esempio.
Aversa Michele Luciano (lavoratore ex Isochimica)
 
 
Scritto da Per AIEA Mario Murgia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna