Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Il "caporalato" una pratica endemica nel nostro territorio
Il "caporalato" una pratica endemica nel nostro territorio
Giovedì 09 Agosto 2018 06:56

IMG_20180808_190455.jpg

Gentile on. Serracchiani,

nella sua newsletter, ha fatto riferimento alla tragedie  del caporalato, si sono altenate tutte le classi politiche nella gestione del potere al Sud, la questione Meridionale , da ragazzo ne sentivo parlare e citare in particolare Guido D'Orso, meridinalista, Di Vittorio si battè come un leone, ma la situazione migliorò fino a quando visse. La politica italiana si rifà ai Bizantini, non a caso a torto Aldo Moro, fu cccusato di bizantinismo. Il Goveno del quale ha fatto parte, il tentativo di forzare la Costituzione, le ha fatto perdere tutto il presigio politico guadagnato con l'invezione della  ROTTAMAZIONE, della vecchia classe dirigente in modo da insediare il Cerchio Magico, con il logo del Giglio. Lei ha avuto la fortuna di Governare una bellissima Regione, ma non ha saputo dedicare il tempo necessario per essere riconfermata, il resto lo ha  fatto il suo amico Rosato, con il rosatellum. Ricordi ! Se non  organizzate un vero congresso, senza trucchi e cooptazioni, sarete destinati a scomparire per consunsione.

La  manifestazione è partita alle 18 dalla stazione di Foggia. Al corteo hanno aderito Cgil, Cisl e Uil e numerose associazioni da Arci a Libera. "Quanto accaduto - spiegano - è la conseguenza estrema e drammatica di una condizione che accomuna tutti i lavoratori in agricoltura della Capitanata. Per questo è il momento di dire basta a ogni forma di sfruttamento, di sottosalario. E' il momento di abbandonare la pratica del caporalato che oramai rende i lavoratori succubi di una 'normalita non più accettabile". Il corteo ha osservato un minuto di silenzio per le vittime, una volta arrivato in piazza Battisti.


Anche l'inchiesta della Procura di Foggia muove i suoi primi passi. I magistrati hanno individuato sei aziende (5 pugliesi e una molisana) dove le vittime avrebbero prestato servizio prima dei due incidenti stradali. Si indaga per verificare se i migranti siano stati sfruttati dai caporali.

"Al momento sono 7 le vittime identificate, originarie di Ghana, Mali, Niger, Guinea e Senegal. L'autista del mezzo era un cittadino marocchino" ha precisato, riferendosi all'incidente avvenuto lunedì scorso nel Foggiano e nel quale sono morti 12 lavoratori extracomunitari, il Procuratore di Foggia, Ludovico Vaccaro, che ha evidenziato come "le indagini stanno andando avanti, con accertamenti per individuare da dove provenivano le persone morte nell'incidente stradale, da diverse imprese pugliesi e una in Molise".

"I sette lavoratori deceduti e identificati erano regolarmente assunti da una impresa molisana: lo rivelano i documenti acquisiti e al momento non si evincono irregolarità o illeciti". Per il Procuratore di Foggia, i due sopravvissuti all'incidente e ricoverati nell'ospedale di San Giovanni Rotondo "hanno fornito elementi utili alle indagini".

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna