Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie VALORI, SOCIAL, SMARTFHONE E LA SCUOLA PERDUTA
VALORI, SOCIAL, SMARTFHONE E LA SCUOLA PERDUTA
Venerdì 09 Novembre 2018 15:58

MANIFESTO.jpg

A nostro parere, la forte crisi della Scuola e dell’Università italiana, inizia con la nomina a Ministro dell’Istruzione dell’ On. Maria Stella Gelmini, il progetto della “scuola azienda” dette il via alla demolizione dei principi che avevano dato fino ad allora grande prestigio e rispetto ad insegnanti e Capi d’Istituto. L’attribuzione dei meriti ostacolato da forti incentivi alle capacità individuali dei docenti, hanno creato disuguaglianze e prodotto nel corpo docenti delusione e un forte disagio. L’aver dato uno spropositato potere ai Preside e ai Genitori degli “studenti” ha tolto dignità ai docenti, ha tolto l’autorevolezza necessaria per ottenere il massimo rispetto da studenti e genitori. L’alternanza scuola lavoro, una iattura per i licei, una perdita di tempo, con sottrazione di attenzione e impegno sulle materie più importanti, utilissime per il proseguo universitario. La nomina nel penultimo governo di una Ministra dell’Istruzione non all’altezza e preparazione del ruolo assegnatole ha fatto il resto, precipitandoci alla terzultima posizione della classifica mondiale.

 

Notavamo da tempo che il nostro impegno nella scuola, come “imprenditori della memoria”stava venendo meno, notavamo da parte degli studenti un forte disinteresse, nonostante ce la mettessimo tutta invitando importantissimi personaggi della Cultura, del Giornalismo, della Magistratura, delle Forze dell'Ordine. La mancanza di dibatto a fine convegno era la dimostrazioni che ai giovani,gli argomenti proposti, non interessavano, non li coinvolgevano emotivamente, come avveniva negli negli anni passati. Resta per noi memorabile il convegno tenutosi a Bari presso l’Auditorium della Camera di Commercio, dove gli alunni di diverse scuole di Bari e Foggia, si esibirono con lavori di ottima fattura, preparati con l’esperienza dei docenti, altamente motivati da  una grande passione civile. Il  rispetto per gli argomenti trattati,  la presenza dei familiari delle vittime, rese la giornata della "Memnoria condivisa" indimenticabile, concludendosi con il Concerto  presso la Basilica San Nicola, dedicato alle Vittime delle Stragi e degli anni di piombo. Il convegno ricevette l’Alto patronato del Presidente della Repubblica. Lo smarrimento, le frustrazioni che il mondo della Scuola e dell’ Università sta vivendo è sotto gli occhi della maggior parte delle persone che hanno a cuore l’insegnamento, l’educazione, i comportamenti etico-morali e sociali che, una società sana non dovrebbe mai perdere di vista.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna