Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie In ricordo di Gino Stefani, Fascismo e tortura a Bologna
In ricordo di Gino Stefani, Fascismo e tortura a Bologna
Sabato 13 Aprile 2019 09:28
ajaxmail.jpg
 
Sono contento di aver reincontrato Gino in questi ultimi anni, almeno una volta all'anno, gli sono grato per la sua maieutica, per il filo che non ho mai perso della sua umanità, del suo elogio continuo per la consapevolezza e della coscienza, per i suoi insegnamenti, per il suo coraggio, per le sue grandi conversioni nella vita, per la sua determinazione schietta ed essenziale, per la sua apertura alla cultura popolare come alla sperimentazione più ardita, per la sua capacità di ascoltare, perchè mi ha iniziato alle pratiche dell'autogestione collettiva, alla vera partecipazione responsabile, perché amava aprire i cancelli, amava la Banda Roncati, la Scuola Popolare di Musica Ivan Illich, le pratiche di autoeducazione, perché era capace di immaginare sempre un altro mondo possibile e migliore, perché c'era quella sera a Bologna insieme a Georges Lapassade e Ivan Illich, perché si emozionava alzandosi in piedi fino alle lacrime sentendo e cantando insieme "Dove vola l'avvoltoio" e "Oltre il ponte" di Italo Calvino. Nella speranza di reincontrare presto persone interessate a riflettere insieme sull'eredità umana e intellettuale che ci ha lasciato, voglio condividere un abbraccio e un saluto a un mio raro Maestro di vita, Tore Panu
 
ajaxmail-1.jpg
 
Brevi interventi musicali con canti antifascisti
Salvatore Panu - fisarmonica e voce
 
Scritto da Salvatore Panu   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna