Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Il 44° Anniversario di Sergio Ramelli ed il 43° di Enrico Pedenovi
Il 44° Anniversario di Sergio Ramelli ed il 43° di Enrico Pedenovi
Domenica 28 Aprile 2019 11:28

Logo_Milano_2.jpg

Con preghiera di divulgazione

Le schede allegate ricordano le figure del giovane studente Sergio Ramelli e dell’avvocato Enrico Pedenovi (Ucciso da Prima Linea) vittime della violenza politica di  gruppi violenti  estremisti di sinistra. Sergio Ramelli fu aggredìto  a sprangate, sotto casa nel quartiere Città Studi, dai facinorosi di Avanguardia operaia, causandogli un trauma cranico che lo  condusse alla morte dopo un’ atroce agonia durata un mese.

Le forze politiche democratiche e la società civile  si sono fatto scippare le Commemorazioni di due vittime del terrorismo dai nazifascismi. Ora è giunto il momento di riappropriarsi della capacità di contrastare l’indegno spettacolo che si rinnova, ogni anno il 29 Aprile a Milano,  per la  commemorazione  di Ramelli e Pedenovi da parte di gruppi neofascisti di Forza Nuova,  Lealtà Azione  e  Casapound . Questi gruppi  sono anticostituzionali  e strumentalizzano la “memoria” di due vittime del terrorismo con cortei di violenta provocazione fascista. S’impone il dovere morale e civile delle istituzioni, dei partiti democratici e della società civile di non dimenticare  due vittime del terrorismo.  L’attuale momento storico impone  una mobilitazione generale per aprire un dibattito fra le forze democratiche sul tema della “eredità negli anni di piombo e degli opposti estremismi”, non per legittimare gli omicidi politici dei fanatici rivoluzionari estremisti leninisti e tanto meno la cieca e vile  violenza stragista dell’eversione di estrema destra..  

Dal 29 Aprile 2020 siano  i partiti democratici e le associazioni di volontariato  i protagonisti e della memoria  senza  manifestazione nazifascista e i saluti romani camerateschi. Siano le istituzioni: Comune di Milano e Regione e tutte le altre forze democratiche a  proporre una  celebrazione collettiva  per ricordare  Ramelli e Pedenovi per togliere il monopolio a squallidi esponenti neofascistei che indicono “parate folkloristiche di odio e di violenza di svastiche nazifasciste incivili e antidemocratiche ! Mai più terrorismo politico  nella nostra Milano e in Italia. Le polemiche sulla tradizionale cagnara fascista per ricordare un 19enne vittima dell’odio non è il modo migliore per fare rivivere la sua memoria di vittima innocente e qualche colpa ce l’hanno anche quelli che discriminano le vittime di sinistra da quelle di destra per una squallida speculazione ideologica. !

Antonio iosa vittima delle brigate rosse nell’attentato alla sezione DC di via Mottarone del 1° Aprile 198°0

 

Scritto da Antonio Iosa del Direttivo nazionale Aiviter   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna