Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie ZONA DEI FUOCHI
ZONA DEI FUOCHI
Giovedì 23 Maggio 2019 11:29

 

Terra-dei-fuochi.jpg

Don Maurizio PATRICELLO
PARROCCHIA S. PAOLO APOLSTOLO
Parco Verde - 80023 Caivano (NA)
tel: 081 8345448
 

Professore Bartolomeo PERNA (Preside)
CONTATTI 3° Circolo Didattico Statale Caivano “Parco Verde”
80023 Caivano (Napoli)
TELEFONI E FAX
tel  0818354590  fax 0818354998
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
c.a Prof. LA MANNA
 
HYSYTECH srl
Ing. Massimiliano ANTONINI
Amministratore Delegato
Indirizzo: Strada del Drosso 33/18
10135 Torino
Telefono 011 3970273 Fax 011 3273394
Cellulare 335 8042396
www.hysytech.com
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Don Maurizio,
questa mattina ho seguito il suo appello, ad UNO MATTINA (intervista di Tiberio Timperi RAI 1), per smaltire la presenza di sei milioni di tonnellate di rifiuti nella "zona dei fuochi",  se uniamo le forze possiamo riuscirci con successo e a basso costo; creando nuova occupazione e senza inquinare, si può trasformare questa enorme massa di scarto in EE di potenza.  Presso Hysytech di Torino (che ci legge per conoscenza), è stato realizzato con successo un pilota per la gassificazione dei rifiuti, trattasi di  un "Pirolizzatore a letto fluido" il primo in Italia nel suo genere, ad altissima temperatura.
 
Si tratta di una tecnologia brevettata,  che recupera il 99,5% dei valori energetici contenuti nel materiale conferito.
Le caratteristiche principali dell’impianto sono:
- può essere costruito in modo compatto e modulare per coprire esigenze da 5 tonnellate al giorno sino a 100 tonnellate giorno o multipli;
- lavora in camera stagna ad alta temperatura, tra i 1000°C e i 1300°C;
- effettua una sublimazione dei materiali, passando dallo stato solido direttamente a quello gassoso, non c’è combustione, non ci sono camini, non ci sono emissioni;
- l’ossidazione dei materiali avviene utilizzando l’ossigeno dell’acqua, naturalmente presente o appositamente iniettata, liberando così grandi quantità di idrogeno.
- L’allestimento dell’impianto, in generale, può essere previsto in moduli da collocarsi all’interno di un edificio industriale o su un'area esterna oppure in moduli pre-assemblati su slitta o in container speciali, di agevole trasporto e collocazione (self contained) Idealmente, l'allestimento dell'unità di gassificazione è configurabile in due container da 40 piedi.
- L’area occupata da un impianto completo è di circa 350 mq per unità di gassificazione e di circa 1000/1500 mq per unità                                
- Il concetto di configurazione modulare assicura la massima flessibilità con il minimo ingombro, per essere facilmente adattata alle esigenze del sito in cui viene collocato.
- Contrariamente ad alcune sperimentazioni esistenti, la tecnologia a letto fluido ha lo svantaggio della coclea interna di avanzamento del materiale.
La realizzazione di un impianto completo comprende le seguenti unità impiantistiche: Pretrattamento,  Stoccaggio ed alimentazione, Gassificazione UHTH®, Lavaggio del syngas, Cogenerazione. Con il gas di pirolisi sarà possibile alimentare le Fuel Cells per produrre E.E. e calore (impianto integrato FCMC
 a zero emissioni - Nuovissima teconologia in fase di sviluppo ).
 
Non avere inceneritori fissi è un vantaggio
 
Il metodo “Modular Eco Self Contained” di smaltimento è più flessibile non ha necessità della procedura VIA (Valutazione Impatto Ambientale), in quanto trattasi di Impianti mobili. Essi producono, a parità di abitanti serviti, quasi la metà del peso delle ceneri prodotte da un inceneritore modello ASM di Brescia e senza essere costretti a far viaggiare i rifiuti dal punto di raccolta all’impianto fisso d’incenerimento per lunghi percorsi.
 
Con questa premessa saranno presentate  due offerte preliminari STD:  
 
a) impianto per 10.000 abitanti, ogni piccolo Comune potrebbe dotarsi di un impianto autonomo, senza la necessità di far viaggiare i rifiuti fino al  punto di conferimento con l’utilizzo il gas di pirolisi (compatibilità da verificare) per la  produzione di EE con cogeneratore SOFC da 20 kW;
 
b) impianto per 200.000 abitanti, servirebbe un consorzio di piccoli comuni, con un punto idoneo di conferimento e alimentato con il gas di pirolisi (compatibilità da vetrificare) per la  produzione di EE con cogeneratore SOFC oppure FCMC, da 250 kW;
 
Stimatissimo Don Maurizio, per passare alla fase di realizzazione del suddetto brevetto, cerchiamo un investitore istituzionale (l'industrializzazione potrebbe avvenire nella zona di Caivano), L'Italia arebbe la prima nazione al mondo  a commercializzare una tecnologia così virtuosa ed avanzata.
 
Cordialmente e Fraternamente!

DG Power R&D (*)Filippo ARPAIA Promoter e sviluppo progetti      
Tecnologo e Ricercatore Energetico  GQ - Hse consultant GQ - D.LGS. 231
Via Gaspara Stampa1  20063 Cernusco sul Naviglio (Mi)
t. 02 9249896 Cel.338-2102708
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   (*) Inserito dal Ministero delle Attività Produttive al n° 20 Albo degli "Esperti in Innovazione Tecnologica" per la Valutazione dei Progetti, ai sensi dell’art. 14 della legge 17 febbraio 1982. Con un HUB di esperti, da sempre s'interessa di ricerca applicata in generale e di energia rinnovabile in particolare.
 
 
 
Facciamo tutti la nostra parte con solidarietà, rettitudine e coraggio!
________________________________________________________________________
 
 
 
 
<Don Maurizio.jpg>
<Unico1.doc>

Scritto da FILIPPO ARPAIA   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna