Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie NON CI RESTA CHE PIANGERE
NON CI RESTA CHE PIANGERE
Martedì 04 Giugno 2019 17:56
47992246067_981a7e05d0_z.jpg
 
Gentilissime/i,
 
i fatti del CSM sono di una gravità inaudita, un omicidio quello di Palamara e soci, mai e poi mai avremmo potuto immaginare una corruzione così estesa e penetrante nei gangli vitali del paese. La nomina nelle Procure di magistrati inadeguati e corrotti. Quanti ne sono? Difficile appurarlo fino in fondo. Mi chiedo come un Potere separato dello Stato ottimamente remurato, si vende in modo spudorato. Appariva l'unico argine allo strapotere dei partiti, alle logge massoniche, sicuramente infiltrate nella magistratura. Per esperienza, le Università sono un altro centro infiltrato di massoni che si spartiscono cariche e rettorati. Sabato sono stato ad assistere l'incontro con Ilaria Cucchi e il suo avvocato. E' stata una serata ricca di patos. Noi associazione di vittime delle stragi, ci siamo sentiti in parte riscattati da una grande piccola donna, minuta,distrutta dalla fatica, ma una forza della natura che ci fa ben sperare. Piegare la pontentissima Arma dei Carabinieri, gli uomini di altissimi gradi, pateticamente balbettanti davanti a giudici inflessibili, forti con i forti, la prima volta nella storia del nostro paese, dopo le farse del processo di Piazza Fontana e di Ustica, dove centinaia di occhi elettronici dei militari hanno visto e sentito tutto di più! Militari felloni, mele marce...che hanno ucciso a calci in bocca Stefano Cucchi, miserabili in divisa, fortissimi con un giovane quasi morto. I fatti del CSM si saldano con la crisi morale ed etica, gran  parte dell'Italia  osanna l'uomo del rosario, arrogante, violento, razzistata antimeridionalista, dove racchetta il voto di scambio, di amministratori pubblici che, anzichè risanare le profonde ferite delle città del Sud, soldi ricevuti dalla Comunità europea,  comprano i voti di miglia e miglia di disoccupati e malavitosi di lungo corso. La sanità al Sud  sta passando arma e bagagli a quella privata, con l'appoggio determinate dei Baroni Primari. Non possiamo in nessun modo curarci seriamente con la sanità pubblica, hanno ad arte dilatato i tempi di attesa alle calende greche.Chi può si cura, la maggioranza non può più farlo. Sono a Conegliano dai miei figli, città civilissima, governata benissimo da Zaia. La sanità è di eccellenza! Se il medico di base non riesce a curarti, prenota lui stesso attraverso un software sullo smatfhone lo specialista, nel giro di tre giorni con il pagamento di un modesto tiket si ottiene la visita nell'ospedale più vicino. Nonostante tutto ciò Salvini è al 37 %, ultimi sondaggi.
 
il_po.jpg
 
Come disse il grande artista Massimo Troisi, non ci resta che piangere.
 
Grazie per la pazienza e cordiali saluti.
Mario Arpaia
Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna