Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Ma bisogna credere nell'anima
Ma bisogna credere nell'anima
Venerdì 08 Novembre 2019 17:02

leggi.jpg

Ma bisogna credere nell'anima, o nel mondo nuovo in cui siamo entrati se ne può fare a meno? La vecchia questione torna all'ordine del giorno, davanti ai rantoli del governo che non sa decidere se sopravvivere o affidarsi all'eutanasia, concludendo la sua breve corsa. Naturalmente i protagonisti di quest'avventura senza nome vorrebbero tirare avanti, perché essendo minoranza nel Paese di fronte all'ondata di destra, nessuno di loro ha convenienza a misurarsi... ( Ezio Mauro)

Parlare alle coscienze ? Ma bisogna averla, condividere con Casa Pound il Governo del Paese, una scelta scellerata, odiosa. Hanno portato indietro le lancette della storia, alla promulgazione delle leggi razziali. Si svegliarono una mattina e trovarono attaccate alle vetrine dei negozi cartelli contro gli Ebrei. Si sapeva da tempo che in Germania il nazismo aveva preso il volo e si stava preparando allo sterminio. Iniziarono bruciando i libri, come sta accadendo a Roma...

 caro.jpg

A tutti gli scrittori, siamo al prefascismo, unitevi e fatevi sentire

Bisognava capirlo il 28 ottobre, quando i partecipanti a non so quale anniversario della Marcia su Roma si sono presentati in almeno 3.000 a Predappio per celebrare Mussolini e la nascita del regime fascista in modo organizzato. Non la solita folla sparpagliata e urlante, ma una vera e propria marcia fino al cimitero di San Cassiano. Bisognava capire che anche la destra più estrema sdoganata da Matteo Salvini si mostra, va in tv sfrontatamente, mette striscioni a piazzale Loreto

Una grande umiliazione la scorta alla senatrice Segre, il simbolo della sofferenza, della tragedia, tutta la famiglia sterminata. Assistere in Parlamento e vedere votare contro l’istituzione della Commissione Segre. Le scuse di Salvini un'ulteriore danno, una beffa verso una donna coraggiosa e determinata a combattere l'odio razziale della Lega, associata a Casa Pound. Votarli significa condividere il loro odio e il loro volto disumano.

Salvini, Meloni, Berlusconi, Casa Pound, con la collaborazione di Di Maio e Renzi, sono maggioranza nelle piazze e nel Paese, hanno la possibilità di portarci fuori dall’ Europa.

L’Italia è ancora una democrazia parlamentare, nata dalla Resistenza, i nostri pensieri, la nostra anima, le coscienze formatesi nel  Paese delle libertà, che aborra l’uomo solo al comando e che lo combatterà con tutti i mezzi che ha una democrazia europea,  conquistata attraverso il lavoro, l'ingegno e l’impegno. Non possiamo abdigare al dovere di difenderla strenuamente. La democrazia è bene inestimabile che va riconquistato giorno dopo giorno, da chi cerca ferirla con le parole e con le azioni violente.

La nostra storia è legata indissolubilmente a quella degli antifascisti di ieri, a Matteotti,ai fratelli Rosselli, alle cinque giornate di Napoli, a Pertini, alla Genova che fece cadere il Governo Tambroni, con l’appoggio determinante degli operai, a Guido Rossa che sacrificò la propria vita per salvare la fabbrica dalle Brigate Rosse.

Il volto dolcissimo di Adriana Segre, la sua storia è dentro di noi, con noi fino a quando avremo vita.

Il nostro Paese ha vissuto il fascismo, la guerra, le immagini del secondo conflitto mondiale dimostrano ampiamente la tragedia nella quale fummo precipitati. La ritirata attraverso le steppe ghiacciate della Russia, un prezzo terribile pagato all’ uomo solo al comando!

Far diventare maggioranza nel Paese, chi la pensa in quel modo, è insopportabile.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna