Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Convegno Amm. Penitenziaria e associazioni di volontariato
Convegno Amm. Penitenziaria e associazioni di volontariato
Venerdì 13 Marzo 2020 08:34

dap.jpg

PAGANO, TAMBURINO, FLIK, PALMA ( foto e video arpamario )

Convegno Amm. Penitenziaria e associazioni di volontariato - Roma 14 aprile 2014

//www.flickr.com/photos/22523260@N04/albums/72157643993495593">https://www.flickr.com/photos/22523260@N04/albums/72157643993495593>

https://www.youtube.com/watch?v=L5YGyqFJN-w

https://www.youtube.com/watch?v=jw9YzwFiYOY

Gentilissime/i,
 
la politica non muoverà un dito per riformare radicalmente la gestione delle carcericari, solo le associzioni unite, con tutta la loro esperienza e professionalità, possono cambiare l'invivibilità e il degrado fisico e morale delle carceri, insieme al Segretariato della Giustizia presso il Quirinale, il CSM e la Corte Costituzionale. Nella costituzione è scritto a chiare lettere che, i reclusi, vanno recuperati con tutti i mezzi a disposizione di una democrazia parlamentare.
 
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministoro della Giustizia, hanno il dovere morale di partire da queste personalità, per sovvertire una volta per tutte la tragedia delle carceri italiane. In queste foto e nei filmati ci sono tutte le persone poer la svolta, le risorse per il cambiamento. Noi crediamo che il Coronavirus19 si sta portanto via, oltre alle persone come tutti noi, medici, personale sanitario e della Protezione civile. Persone di grande valore  etico professionale. A loro dovremo nel prossimo futuro la salvezza del Paese. Scompariranno i programmi di chiacchiere, la terza camera dello Stato. Un paese sobro, che guarda ai fatti, che fa tornare dall' estero le eccellenze, le conoscenze, la serietà. La scuola e l'università per come la conosciamo, sarà un triste ricordo. Andranno avanti i giovani che desiderano studiare e imparare. La sanità e la scuola che conoscevamo, inevitabilmente torneranno al centro della scena. La gistizia, la magistratura, le Forze dell' ordine, dovranno prevenire, non ci saranno più le risorse per reprimere. Inviare le forze dell' Ordine nelle carceri e manganellare alla cieca, come si faceva con la Celere negli anni 50 con i braccianti del Sud, non sarà più possibile. Nessun politico potra cambiare l'inevitabile che ci aspetta.

Nadia.jpg
 
Un grade grazie a Nadia Bizzotto che,nonostante la sua disabilità  ci ha permesso di partecipare al convegno, fatto conoscere, personalità importantissime, scoprire la realtà carceraria e le carceri.
 
Abbiamo cercato nel nostro archivio i filmati e le foto del convegno tenutosi al DAP, alcune immagini  di un incontro presso la Casa circondariale di Foggia. Ci sono tutti gli addetti ai lavori del mondo carcerario. Capo compartimento, il magistrato Giovanni Tamburino, una vastissima esperienza riguardo al terrorismo di estrema destra, il prof. Flik, il Garante dei detenuti il magistrato Mauro Palma. Un incontro ai massimi livelli di competenze. Un arricchimeto socio-culturale indimenticabile. Vi consigliamo di guardare il materiale audiovisivo, sono parte della memoria storica di una tragedia grega. I detenuti fanno paura e tristezza, sono per lo più disperati e senza futuro. Quando muore la speranza, è la fine di tutto. Il ministro della giustizia ha parlato di violenza che poteva essere evitata e lui lo sapeva bene. Le carceri non sono la Statale, le Università. Quando il malcontento supera la misura, le conseguenze sono devastazioni e morti violente. Ci sono centinaia di film che documentano le violenze da ambo le parti, scatenate dalle rivolte. C'è una droga, l'adrenalina che prende  e travolge tutti. Noi speriamo e crediamo nelle associazioni, negli operaratori carcerari, nelle competenze. Quando passerà il coronavirus19, avremo un altro Mondo, saremo tutti più poveri, la sanità non sarà più gratuita per tutti, le persone con lavori precari saranno quelli che pagheranno un prezzo insostenibile. Pensate ai mercati rionali del sud, chiusi, senza clienti, quando si riprenderanno, quanti potranno pagarsi le spese specialistiche per curarsi. Sopraviveranno i migliori, quelli che hanno studiato seriamente, gli Erasmus nei paesi baltici saranno un triste ricordo. Studenti che non conoscono una parola di inglese, superano con facilità esami con materie professionali. Ci sarà una selezione naturale, per far ripartire l'Italia.
Nel nostro piccolo cerchiamo di dare un contributo di conoscenze.
Grazie per la pazienza.
Mario Arpaia
Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna