Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Quella ribelle Alfonsina, prima e unica Lei a correre il Giro d’Italia
Quella ribelle Alfonsina, prima e unica Lei a correre il Giro d’Italia
Domenica 17 Maggio 2020 08:47

alfonsina-strada.jpg

Nome Alfonsina Cognome Morini Strada (cognome da coniugata) Data di nascita 16 marzo 1891 Luogo di nascita Castelfranco Emilia (Modena) Data di morte 13 settembre 1959 Luogo di morte Milano Nazionalità Italiana Segni particolari Ciclista, pioniera della parificazione tra sport maschile e femminile Quante volte abbiamo ascoltato mentre veniva canticchiato dai nostri amici e conoscenti […]

GENTILISSIME/I,

Questa immagine questa donna, questa storia vuole essere un cambio di passo, di storia dell' Italia, prendiamola a modello per il tributo di vite date durante la Guerra di Liberazoione dal nazifascismo. Il Coronavirus con  la sua forza dirompente, di lutti,  traumi, lascia un Paese disastrato, senza lavoro, con poche fabbriche. Rimettere insieme i cocci non sarà facile.Dimentichiamoci i politici di ieri, le imporovvisazioni, il cabaret. Uomini come Conte, Colalao, manager di provatissima competenza, innamorati dell' Italia. Gli stessi che hanno lavorato al Ponte di Genova. Conte è una invenzione della sorte, in un Paese dove si è garggiato a risultare il il primo dei cialtroni.

La giustizia va di sana pianta riformata, la nostra società caro dott. Valerio Onida, non può continuare ad essere carcerocentrica, deve cambiare la Costituzione. Chi ha rubato è ha messo i soldi da parte il carcere se lo deve pagare. Così come è gestita la carcerazione è una vergogna. Va depenalizzato lo spaccio, solo domiciliari e braccialetto. Una cappa di piombo deve sollevarsi e farci respirare. La Fiat le tasse le deve pagare in Italia, una PATRIMONIALE PROGRESSIVA E' INDISPENSABILE. INUTILE GIRARCI INTORNO. PRESIDENTE CONTE, abbiamo le pezze al sadere come  dopo la guerra, mi ricordo che ci puzzavamo di fame! SULLA CASSA INTEGRAZIONE NON SI PUO' SCHERZARE!

CI SPETTA U'ALTRA ITALIA, ABBIAMO AVUTO, DONAT CATTEN, PICCOLI, BISAGLIA, RUMOR, IL CAF,ANDREOTTI, CRAXI, FORLANI,CIRINOPOMICINO, GAVA, ACHILLE LAURO, GLI ESATTORI SALVO, CIANCIMINO. NEL FRATTEMPO IL PAESE ERA OSTAGGIO DI UNA BANDA DI CRIMINALI AUTONOMINATOSI BRIGARE ROSSO-NERO. MILIAIA DI SERVITORI DELLO STATO  UCCISI IN QUANTO SERVI DEI PADRODI. UNA INTERA GENERAZIONE DI GIUSLAVOSTI, ISTRUITI DA FEDERICO CAFFE? TUTTI UCCISI CON FREDDA FEROCIA.IL FIOR FIORE DI MAGGISTRATI VITTIME DEGLI ACCORDI STATO MAFIA. MENTI SOPRAFFINE LE HANNO STERMINATE TUTTE, MENTRE DAL CIELO PIOVEVANO I PIZZINI. IL CORONAVIRUS SI PORTA VIA VIA TUTTO IL PORTABILE, ANCHE IL BOSCO VERTICALE DI BOERI CON I SUOI COSTI, RESTERA' POCHISSIMO DEL PASSATO. A CERCARE DI SALVARE IL PAESE DA SOLI, DISPERATAMENTE. ALDO MORO ED ENRICO BERLINGUER,SE NE ANDARONO  UNO TRA LA LE BRACCIA DI SANDRO PERTINI E L'ALTRO IN UNA RENALT ROSSA AMERICANA... ERA IL MEGLIO CHE CI POTESSE CAPITARE. IN CAMBIO CI HANNO LASCIATO IL BOSCO VERTICALE E IL PARTICOLATO AL 10%.

 

Bosco-11Verticale-Vertical-Forest-towers-Milan-Stefano-Boeri-01-Inexhibit.jpg

 

 

L'articolo Quella ribelle Alfonsina, <br />prima e unica Lei <br />a correre il Giro d’Italia proviene da Giannella Channel.

L'Airone  è  un uomo solo  al comando, ha la maglia bianco celeste, il suo nome è Fausto Coppi

Non ricordo di aver mai visto la foto in bici di queta bellissima donna, ricordo la canzone del Quartetto Cetra. Il ciclismo femminile forza e grazia. Chi ama la natura non può non amare il ciclismo, il ciclismo il più delle volte è solitudine, silenzo, dolore nello scalare pendenze oltre 10%. Il coiclismo da la possibilità di misurardi con se stesi, cercare il limenite delle prestazioni. Unico politico a misurrasi con la fatica della bici è stato Romano Prodi. Ebbi la fortuna di partecipare a all'età di 50 anni alla Reggio Granfondo Unipol, 216 Km, attraversammo tutta la Garfagnagna per poi fare ritorno a Reggio. Boschi lusseruggianti, torrenti il altura, si attraversò la provicia di Lucca  di Savona, nanuralamente il Parmigiano fece la differenza...Ringraziamo il concittadino Salvatore Giannella, per questo bellissimo ricordo fatto di gambe e  di cuore.

Reggio1_Emilia_9_giugno_1996.jpg

 

Scritto da testo di Carmen Pellegrino con Salvatore Giannella   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna