Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie I MORTI DEL CORONAVIRUS NON CAMBIERANNO IL PAESE
I MORTI DEL CORONAVIRUS NON CAMBIERANNO IL PAESE
Sabato 27 Giugno 2020 07:58

polizia-stradale-esercito-bare-3-1_2.jpg

i morti del coronavirus

“A mio padre, e a Vincenzo Lo Jacono, caduti nella strage di Partinico del 22 giugno 1947” così cominciava la dedica del suo libro su Portella della Ginestra del 1997, e le ultime parole erano per la madre: “Non credeva nella giustizia degli uomini e aveva ragione: nessun tribunale le avrebbe reso giustizia … Nella sua semplicità capì tutto e al potere dei palazzi, per quasi cinquant’anni, oppose la sua coraggiosa speranza”.
Peppino era nato nel 1946 e la sua vita sarà segnata dalle vicende di un anno emblematico come il ’47, che aveva visto la strage di Portella del primo maggio e la morte del padre, anche lui Giuseppe, in un attentato della banda Giuliano alla sezione comunista di Partinico, e tutta la sua attività di studioso, il suo impegno di educatore e di militante, saranno dedicati a far luce su quegli avvenimenti che legano la sua biografia personale e familiare alla biografia di un Paese che ha visto la nascita della Repubblica insanguinata da una violenza che mirava a segnarne il destino, e a chiedere che, nonostante il passare degli anni, si facesse giustizia.

L'ITALIA PAESE DI DEPOSTAGGIGGI E TRADIMENTI


Giovanissimo si lega a Danilo Dolci, a cui ha dedicato un libro uscito nel 2014, poi si dedica all’insegnamento, comincia la sua attività di ricerca con un libro sui Fasci siciliani in provincia di Palermo, continua con una serie di volumi sulla strage di Portella, sulla banda Giuliano, sulla storia segreta della Sicilia. Racconta una storia al di fuori degli schemi accademici, che utilizza la documentazione raccolta negli archivi segreti di vari Paesi, finalmente aperti. Si condividano o meno le tesi dei suoi libri, tra cui la più discussa, che vede il bandito Giuliano legato ai servizi americani e legge la strage di Portella privilegiando le responsabilità dei neofascisti, quel che è certo è che dobbiamo essergli grati per la tenacia con cui ha svolto il suo compito di studioso controcorrente e per l’impegno che ha caratterizzato la sua sfida agli stereotipi che ancora fanno velo a una completa ricostruzione della verità.
Quest’impegno ha voluto che fosse collettivo e da ciò nasce la creazione dell’associazione “Portella e non solo”, che raccoglie i familiari delle vittime che ancora attendono giustizia, e che durasse nel tempo, con la costituzione di un archivio che raccoglie una massa enorme di documenti, solo in parte esplorati. Da ciò la sua proposta che il suo archivio diventasse pubblico e la sua adesione al progetto del Memoriale-laboratorio della lotta alla mafia.
L’ultima volta che ci siamo incontrati, e avevo notato la sua magrezza, è stato all’Archivio di Stato di Palermo, per un incontro promosso dalla Rete degli archivi per non dimenticare e da alcuni archivi. Un incontro in cui si è ancora una volta toccato con mano l’abbandono in cui versano gli archivi e la difficoltà di venirne fuori, con risorse irrisorie. La Rete degli archivi, nonostante il patrocinio della Presidenza della Repubblica, è da tempo in stallo e molti progetti stentano a realizzarsi. Mi auguro che la situazione possa cambiare, ma l’Italia è un paese in cui si sprecano somme ingenti per l’effimero mentre le strutture esistenti sono condannate al degrado.
Tra la Regione Sicilia e e quella  Veneta si sono consumate le stragi più dolorose che il il Paese ha conosciuto. U mix di servizi deviati, militari felloni, addestrati al doppio gioco. L’armadio  di Dalla Chiesa e la Borsa da rossa di Borsellino sono la prova provata. Dovevano sconfiggere la Mafia, un trucco per sconfiggere il Maxiprocesso, invece si progettò  il funerale del secolo.
La storia i di Ustica la conobbero in diretta i radar che operavano sulla linea del Tirreno,  divise indecorose, comandanti improbabili, traditore per natura e cultura, ispirati da Cossiga –Gladio. Daria Bonfietti, ex presidente dei Familiari delle vittime, che salutiamo, era Foggia a casa nostra, ci apprestavamo a celebrare la Strage di Brescia, dove mori dilaniato da un bomba Luigi Pinto a Brescia in Piazza Loggia.
La verità non la racconterà nessuno, sono tutti a libro paga dei Gelli di turno e lo saranno per sempre.
Schizzi di sangue sulle divise di tantissimi poliziotti, traditi dai loro stessi superiori, Bruno Contrada, venduti alla politica alla Ciancimino, dei cugini salvo, mafiosi a metà, a giorni alterni come il sen. Andreotti. 20 apr 2018 - Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell'Utri condannati a 12 ... Otto anni a Ciancimino per calunnia a De Gennaro. ... hanno condannato a dodici anni di carcere gli ex vertici del Ros Mario Mori e Antonio Subranni.
L’esordio, però, è di segno decisamente opposto. Il primo caso rilevante di cui è chiamato ad occuparsi è infatti l’omicidio del compagno Peppino Impastato, assassinato nella notte tra l’8 e il 9 maggio di quell’anno.
Ricordiamo per chi ha la fortuna di non essere stato già adulto a quel tempo che l’omicidio di Peppino, giornalista antimafia e candidato locale di Democrazia Proletaria, fu particolarmente efferato: il suo corpo venne dilaniato da una carica esplosiva sui binari della ferrovia. I suoi assassini – poi identificati come killer “comandati” dal boss mafioso Gaetano Badalamenti – volevano inscenare uno scombiccherato “attentato terroristico” andato storto.

Scritto da Arpaia -Santino   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna