Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie IL GOVERNO CONTE CANCELLI QUESTA STORTURA O SI DIMETTA.
IL GOVERNO CONTE CANCELLI QUESTA STORTURA O SI DIMETTA.
Martedì 30 Giugno 2020 09:36

 

ustica_2.jpg

IL GOVERNO CONTE CANCELLI QUESTA STORTURA O SI DIMETTA.
Martedì 30 Giugno 2020 09:36
IL TEMPO E' SCADUTO
Sabato 27 Giugno 2020 18:05
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA,
DELLA CAMERA
DELLA CORTE COSTITUZIONALE
AL PARLAMENTO E AL SENATO DELLA REPUBBLICA
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, COMANDATE DELLE FORZE ARMATE.


Gentilissime/i,
le cronache del giornalista di La7 ANDREA PURGATORI E TUTTI I SUOI COLLABORATORI,
rinnovano le nostre angosce, i nostri sentimenti, la rabbia, i ricordi di anni di tragedie, la tangente
che lo Stato versa ogni anno ai servizi segreti deviari. Tantissimi amici, storici, ricercatori, pur
dimostrando verità inconfutabili di amici per lo più deceduti, alla ricerca degli autori delle stragi più
efferate.
Non è più sopportabile come ha chiosato il Presidente della Camera, non ottenere nomi e cognomi
di un esercito di Massoni al servizio dei servizi segreti deviati. La storia di Ustica, monitorata da
tutti i radar d’ Italia continua a non ricordare, a balbettare, corsi ininterrotti di logopedia. Ho 75
anni, la strage di Brescia, mi cambiò la vita in tutti i sensi: capimmo che eravamo ostaggio di un
doppio Stato.


La strage di Ustica si deve chiudere con l'accordo degli Stati che parteciparono alla guerra nei cieli
di Ustica, costringerli a superare il ridicolo, di migliaia di prove agli atti. Ciudete, altrimenti
trasformate il dramma in farsa è quanto il Paese vuole? Non si tratta più di capire ma di curiosità
a buon prezzo.
In una intervista a giovani studenti è stato risposto che a a piazza Fontana hanno operato le
Brigate Rosse. Oltre cinquanta anni  di informazioni nelle scuole e nelle piazze hanno
rivelato una barzelletta.

Un nuovo Governo insediato, il suo dovere è cambiare la cultura del Paese, costringere chi sa a
parlare, a sottoscrivere che fu un'aggressione verso uno Stato sovrano.
E’ umiliante alla nostra età farsi ancora beffa, veniamo dalla stagione della Resistenza, nella quale
abbiamo creduto senza esitazione, come la famiglia Cervi. Siamo stanchi delle marce,dei
Gonfaloni, delle promesse mai mantenute. Raccontateci di Moro, i nostri cuori invecchiati prima
del tempo, ansimano, sembrano fermarsi da un momento all’altro e restituiteci la pace che ci
spetta, per la lunghissima e inutile militanza. Liberateci dalle catene alle quali in modo infantile
ci siamo legati.


Diteci, fateci dire dai reduci delle Brigate Rosse, l’asset di chi decise che andava eliminato, e con
lui di crepa cuore Enrico Berlinguer. Nella telefonata che Moro era stato ucciso, c'è tutta la verità
di chi lo voleva morto, dall' America a Isdraele. Il dossier stragismo , deve essere sul tavolo del
Presidente del Consiglio Conte. Qualsiasi cosa faà non può prescindere dalla rimozione del
macigno degli anni di piombo, dello stragismo senza distinzioni. Una amica che era alla stazione
di Bologna, racconta dell'odore della carne alla brace. Presidente Conte, potrà rattoppare le pezze
attacate al sedere, ma se non svanisce l'odore di carne alla brace, un'un'altra menzogna, una favola
si aggiungerà alle migliaia raccontateci in oltre mezzo secolo.


Il Presidente Mattarella, ha mostrato oggi più che mai disagio e frustrazione,consapevolezza che il
" IL TEMPO E' SCADUTO" la Strage di Ustica con i militari in prima fila è la più raccapricciate,
chi doveva proteggerci, continua a mentirci come i bambini delle scuole elementari.
Le stragi, sono diventate filmcapolavori di, menzogne svelate oltre ogni immaginazione.
Noi ci asterremo di seguire le stragi, iniziarono con lo sbarco americano in Sicilia,
raggiunsero l'apice con Falcone e Borsellino
Seppelliamo tutto sotto la borsa rossa di Borsellino e l'autostrada di Capaci, se ancora la dignità
la grande dignità di Sergio Mattarella, ci assiste ancora.
E’ questo il destino ci è stato riservato Sig.Presidente.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna