Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie La politica è l’arte del possibile e dell’ impossibile
La politica è l’arte del possibile e dell’ impossibile
Domenica 27 Settembre 2020 07:31
Screenshot_2020-09-27_35_anni_fa_moriva_Giancarlo_Siani_il_giornalista_scomodo_ucciso_dalla_camorra.jpg
35 anni fa moriva Giancarlo Siani, il giornalista scomodo ucciso dalla camorra Il giovane cronista di 26 anni aveva denunciato dalle colonne de "Il Mattino" l'attività di alcune cosche criminali e la loro espansione economica. Mattarella: "Siani testimone del miglior giornalismo" Tweet - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/accadde-oggi-35-anni-fa-moriva-Giancarlo-Siani-il-giornalista-scomodo-ucciso-dalla-camorra-4f83b994-c3df-4cad-86d0-edd66f999a6e.html

Gentile Presidente del Consiglio,

La politica è l’arte del possibile e dell’ impossibile, come lo scandaloso e immorale raddoppio dello stipendio del Presidente dell’ Inps. Si tagliano spese indispensabili, i pentastellati di riducono lo stipendio a parole. Un Paese in bilico, indebitato fino al collo, che sopravvive con i soldi dell’ Europa, matrigna con la Grecia e generosissima con l’ Italia, che accoglie gli emigranti e li ammassa nei campi profughi. Negato il diritto di integrazione nei lavori che gli italiani rifiutano. Italiani brava gente quando ci conviene, opportunisti per natura. Le Marche per ricevere a vita i finanziamenti post terremoto si scegli il Presidente di Regione, ideologicamente all’opposto, per opportunismo. Il fine giustifica i mezzi, non poteva mancare il Cardinale, che ha famiglia a differenza di Papa Francesco che vive in una stanza di Santa Marta. Un altro sogno

svanirà come quando credevamo di essere i migliori, quando invocavamo addà vinì baffone. Ci fecero credere che in Russia c’era il socialismo dal volto umano, fino a che non arrivò Berliguer con la questione “morale” , morì di crepacuore per l’opposizione del cinghialone. Rossana Rossanda e il gruppo del Manifesto, si fecero radiare, rifiutando il bastone e la carota, di Togliatti. Abbiamo per anni sinceramente creduto alla nascita di un Paese normale, ci siamo resi conto che non abbiamo nulla di normale, eravamo siamo rimasti ciò che siamo sempre stati, inaffidabili e volta gabbana, gattopardeschi. Il Paese delle mafie, Cosa nostra, Ndrangheta, Corona unita e Camorra, esportata in tutto il mondo e in tutta l’Italia.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna