Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie CRISI DI GOVERNO: LILIANA SEGRE VOTA AL SENATO
CRISI DI GOVERNO: LILIANA SEGRE VOTA AL SENATO
Martedì 19 Gennaio 2021 09:37

veneto.jpg

 

 

CRISI DI GOVERNO: CON 24 SENATORI IL VENETO

PUO' NEGOZIARE INVESTIMENTI E AUTONOMIA


TrevisoToday, VicenzaPiù e Serenissima News hanno ripreso il nostro invito ai parlamentari eletti in Veneto di cogliere l’occasione della crisi di governo per negoziare alla luce del sole ciò che serve al nostro territorio.  Da tempo il Veneto non ha un peso politico pari alla rilevanza del suo sistema sociale ed economico, nonostante sia crocevia strategico con l’Europa del Nord e dell’Est. E come insegnano gli amici della Sudtiroler Volkspartei, questo è il momento in cui si ha più forza per trattare al tavolo politico, soprattutto se si ha una rappresentanza al Senato da far valere.
Il Veneto ha eletto 24 senatori: se anche un piccolo gruppo di loro ponesse con trasparenza sul tavolo come condizione per l’appoggio ad un nuovo governo le priorità d’investimento necessarie ad una delle Regioni che può trainare la ripresa del Paese nel post-Covid (e che è invece stata gravemente trascurata nell’attuale Recovery Plan al punto che il Porto di Venezia non viene neppure nominato) ecco che le trattative in corso nei palazzi romani potrebbero essere nobilitate da un forte progetto per lo sviluppo, anzichè dal mercanteggiamento personale o di parte. 
Ma soprattutto i senatori eletti in Veneto hanno l’occasione straordinaria di esigere che venga portata in Parlamento la pre-intesa sull’autonomia sottoscritta da Zaia con il Governo Gentiloni nel 2018, ottenendo così l’avvio di un percorso di autogoverno responsabile previsto dalla Costituzione e fortemente voluto da 2,3 milioni di elettori veneti al di là di ogni appartenenza di partito. Può essere l’occasione per chiedere anche che l’Imu sugli immobili produttivi e per il terziario resti ai nostri Comuni, come avviene a Bolzano, per finanziare investimenti nella rigenerazione urbana e nella messa in sicurezza del territorio, sostenendo così la ripresa post-Covid, creando buona occupazione e restituendo attrattività alla nostra regione.

La mia proposta ha raccolto molti consensi sulla mia pagina Facebook e sollevato un’animata discussione: https://www.facebook.com/422093341140513/posts/4963917940291341/​​

 

renzi.jpg

Conte: "Serve politica per cittadini o rischio rabbia". Sì alla fiducia da Casini e Monti. Nencini: "Valuteremo". Obiettivo: superare quota 155

 

Gentilissime/i,

a Bolzano in Alto Adige è stata eletta, Mariaelena Boschi...l' Alto Adige è Regione a Statuto speciale, con tantissimi privilegi grazie ad Alcide De Gasperi. Viviamo una situazione di difficoltà in tutti i settori della vita pubblica. Sto sperimentando sulla mia persona il Covid,non è uno scherzo...

Il Parlamento ha sperimentato ieri una formula nuova per creare un goverso di persone di sicura fede democratica e competente. Gentilissima

Simonetta, sono particolrmente orgoglioso che Conte sia delle mie parti, ma come sai i miei figli vivono e lavorono nel Veneto. La mia grande speranza è che possiamo svoltare, un governo di responsabili potrebbe nascere. Secondo te il leghismo, sovranismo, le varie autonomie salverebbero il Paese, indebbitato fino al collo. Non bisogna dimenticare che il Veneto ha avuto Galan, che ha malversato e disamministrato per anni.

A mio modestissimo parere, è anacronistico oggi parlare di autonomia, significa volersi arrampicare sugli specchi. Dobbiamo tutti insieme salvare il Pase dai barbari, dai politici ignorati e cinici. E' possibile fidarsi della Bellanova, di Renzi, del loro spiccato cinismo?

 Se si consolida il governo Conte, possiamo veramente sperare in un cambiamento CULTURALE, i voltagabbana sarebbero tutti smascherati.

Se Conte vince, possiamo tutti sentirci più liberi.

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna