Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie UN CAMPO LARGO E REGOLAMENTARE
UN CAMPO LARGO E REGOLAMENTARE
Sabato 03 Aprile 2021 17:07

Pier_Luigi_Bersani_daticamera_2013.jpg

Caro Presidente del Pd Enrico Letta,

in un momento così difficile per il paese è impensabile non impegnarsi affinché Pier Luigi Bersani, rientri nel Pd, la sua esperienza, l’onestà intellettuale, lo pongono ai primissimi posti dei politici europei, la capacità di elaborazione e di sintesi sono notevoli. Il campo largo che da anni va predicando… insieme a Cacciari, è sotto gli e le orecchie di chi vuole vedere e sentire.

Le sardine sono una realtà che va coltivata e seguita con il massimo interesse possibile, la Toscana e l’Emilia, due grandi regioni che hanno fatto la storia sociale del nostro paese, sono state salvate dal fortissimo impegno del movimento che si ispira al branco delle sardine. Sono andati casa per casa a prendere le persone e portarle materialmente a votare Pd. Immagini cosa sarebbe oggi l’Italia senza la Toscana e l’Emilia Romagna.

 

Deve nascere un forte partito laburista, ci sono tutte le possibilità per allargare il campo, dobbiamo assolutamente interrompere ogni contatto con Italia Viva, non abbiamo nulla da spartire ne culturalmente e nemmeno moralmente. L’etica è amor proprio per un partito che vuole essere dalla parte dei più deboli, dei lavoratori, di tutte le persone che credono nell’ uguaglianza dei diritti e dei doveri. Un partito che guarda alle professionalità , all’esperienza maturata sul campo, far tornare in Italia le menti migliori per reinventare il presente e il futuro. Siamo stanchi delle correnti che remano contro, non sono tollerabili in una situazione drammatica sotto tutti i punti di vista. L’unione fa la forza, il pluralismo delle idee è una cosa, lo stai sereno non è per noi.

 

413Vfe7LQVL._SX315_BO1204203200_.jpg

Morti per disperazione e il futuro del capitalismo

L’aspettativa di vita negli Stati Uniti è diminuita per tre anni consecutivi, un capovolgimento che non si vedeva dal 1918 e in nessun’altra nazione ricca. Negli ultimi due decenni le morti per disperazione, dovute a suicidio, overdose di droga e alcolismo sono aumentate drammaticamente, mietono centinaia di migliaia di vite ogni anno e i dati sono in crescita. Siamo davanti a una degenerazione che deve mettere in guardia gli altri paesi dell’Occidente democratico dal compiere possibili, analoghi, errori. Anne Case e Angus Deaton hanno lanciato per primi questo allarme: il sistema sanitario più costoso del mondo, che tuttavia non protegge i più deboli, lo strapotere delle grandi multinazionali, le preoccupanti disuguaglianze legate alla globalizzazione e all’automazione sono i fattori principali che gravano sulla difficile situazione della classe media. Un volume di straordinario impatto sulla degenerazione del capitalismo nel sistema politico ed economico americano, dove traspaiono la grande sensibilità storico-sociologica e il forte impegno etico degli autori.

Anne Case è Alexander Stewart Professor, Emeritus, di Economics and Public Affairs nella Princeton University. Angus Deaton, vincitore del premio Nobel per l’economia nel 2015, è Dwight D. Eisenhower Professor, Emeritus, di Economics and International Affairs nella Princeton University e Presidential Professor of Economics nella University of Southern California. Il Mulino ha pubblicato «La grande fuga. Salute, ricchezza e origini della disuguaglianza» (20192).

Dal 17 maggio 2006 all'8 maggio 2008 ha ricoperto la carica di Ministro dello sviluppo economico nel Governo Prodi II. Il 4 luglio 2006 viene emanato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il primo decreto Bersani, convertito in legge il 6 luglio 2006. Le tematiche del decreto, detto anche "decreto sulle liberalizzazioni" toccano molti settori, da quello del mercato, alla tutela dei consumatori e anche quello dell'evasione fiscale. Il 31 gennaio 2007 un secondo decreto, convertito in legge il 2 aprile 2007 amplia le liberalizzazioni e le tutele dei consumatori.

A Pier Luigi Bersani si devono le liberalizzazioni che consentono la stipula di un'assicurazione RCA per la prima volta utilizzando la classe di merito di uno dei componenti del nucleo familiare residente allo stesso indirizzo e l'istituzione della CARD. Tale procedura consente al danneggiato che ha subito un sinistro in un incidente di ricevere, sotto determinate condizioni, il risarcimento dalla propria compagnia, consentendo pertanto di snellire i tempi di liquidazione. Non di minore impatto sociale il Decreto sulla Surroga dei mutui, il quale consente ai titolari di mutui ipotecari di fare la portabilità del finanziamento, sovente a condizioni e tassi migliori o l'abolizione dei costi di estinzione anticipata e di ricarica del credito dei telefoni cellulari.

Il 13 novembre 2007 il Governo Italiano, con Bersani, allora Ministro dello sviluppo economico, rinnovò un accordo bilaterale di partnership con gli Stati Uniti per "lo scambio di informazioni sulla tecnologia energetica relative ai vari settori quali l'energia da carbone pulito, idrogeno, energia nucleare, la bioenergia e altre scienze energetiche fondamentali", della durata di cinque anni.

Firmatario da parte degli Stati Uniti fu il Segretario USA all'Energia Samuel Wright Bodman. Sembra che per l'occasione, come riportano fonti non verificate, il Ministro per lo sviluppo economico in carica, Bersani, avrebbe affermato che il risultato del referendum del 1987 sul nucleare non avrebbe escluso l'Italia dalla ricerca sulla generazione di energia nucleare, "l'ha solo sospesa", avrebbe affermato.[16] L'allora Ministro per lo sviluppo economico, con gesto "diplomatico" avrebbe così inteso consentire all'Italia di rimanere agganciata ai programmi di ricerca internazionali sul nucleare, sul carbone pulito o altre forme di energie alternative. Da segnalare che la posizione di Bersani, e del partito di cui è divenuto segretario, durante il referendum del 2011 è stata espressamente contro il ritorno al nucleare.

Nel 2007, con l'articolo 1 del D.L. n. 7 del 2007 « (…) è vietata, da parte degli operatori di telefonia mobile l'applicazione di costi fissi e di contributi per la ricarica di carte prepagate, anche via bancomat o in forma telematica, aggiuntivi rispetto al costo del traffico telefonico richiesto, nonché la previsione di termini temporali massimi di utilizzo del traffico acquistato (…). Le compagnie di telefonia mobile entro il 4 marzo 2007 si apprende dal comma 1, dovranno adeguare le proprie offerte commerciali, in modo da eliminare i costi fissi e i contributi sulle carte prepagate. Così facendo, il costo per l'utente sarà pari al traffico effettuato in relazione al proprio piano telefonico. Elimina pure la scadenza delle ricariche telefoniche. 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna