Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie SANTA MARIA CAPUA VETERE, UNA GRANDISSIMA UMILIAZIONE
SANTA MARIA CAPUA VETERE, UNA GRANDISSIMA UMILIAZIONE
Domenica 04 Luglio 2021 07:04

carcere_SMCV.jpg

ANTIGONE COMPIE 30 ANNI DI DENUNCE NELLE CARCERI E DI VIOLENZA

https://www.fanpage.it/napoli/violenze-carcere-santa-maria-capua-vetere-storia-video/

Al Presidente della Repubblica Sergio MATTARELLA

Alla Ministra della Giustizia Marta Maria Carla Cartabia

Capo del dipartimento DAP - Bernardo Petralia

Vicecapo dipartimento - Roberto Tartaglia

Logo_2021_Esteso_Sx_1.jpg

Il 20 aprile del 2020 presentammo un esposto alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, chiedendo che si indagassero gli agenti penitenziari per tortura.
Nelle giornate del 7 e 8 aprile dello scorso anno avevamo infatti ricevuta numerose telefonate e e-mail di parenti di detenuti che ci denunciavano delle presunte violenze avvenute il 6 aprile. Tutte queste denunce erano molto concordi tra loro nel racconto dei fatti.

A 15 mesi di distanza sono state disposte delle misure cautelari per decine di agenti penitenziari, ma anche per alcune persone poste ai vertici dell'amministrazione penitenziaria.

Il video dei pestaggi, pubblicato da Domani, ha squarciato il velo su quanto avvenuto in quel carcere. Diversi altri episodi, per i quali abbiamo presentato esposti, pare siano accaduti quei giorni, da Opera a Melfi. Proprio nel carcere di Melfi, le denunce che abbiamo ricevuto ci testimoniano un modo di operare che sarebbe simile a quello del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Tuttavia le registazioni delle telecamere, per diverse ragioni, non ci sarebbero e la Procura ha chiesto l'archiviazione, alla quale ci siamo opposti.
Qui facciamo il punto dei processi che stiamo seguendo, tra cui quello di Monza per cui, proprio pochi istanti fa, è stato disposto il rinvio a giudizio di 5 agenti penitenziari per le violenze su un detenuto.

In questa newsletter parleremo di carcere e tortura.
Buona lettura,
Patrizio Gonnella, presidente di Antigone

GENTILISSIME/I,

conoscemmo in occasione di un convegno presieduto dall' ex ministro Maria Flich, al D.A.P. a Roma, l'allora Capo dipartimento dott. Giovanni Tamburino, una presenza molto importante per la nostra associazione in particolare. Fu il primo magistrato ad indagare sulla strage di Brescia, dove perdemmo un nostro congiunto. C'erano i rappresentanti di tutte le associazioni interessate al rispetto dei Diritti dei Carcerati, c'era il magistrato Mauro Palma. Come associazione eravamo particolarmente interessati al caso di Carmelo Musumeci, arrivammo al Due Palazzi di Padova per conoscerlo, con Nadia Bizzotto, invalida per un incidente stradale, sulla carrozzella.Conoscemmo la storia di Carmelo e l'ergastolo ostativo. Con lei partecipammo al Convegno.

 

Sig. Presidente della Repubblica, le immagini di Santa Maria Capua Vetere, dimostrano che il G8 di Genova non ha lasciato nessun segno nella cultura di prevenzione anzichè repressione. La scuola è tutto nella vita, ricordiamo la Celere di Scelba, la ricorda anche lei, venivano istruiti a Padova, erano dei fenomeni a caricare in piedi sulle Jep i manifestanti che chiedevano le terre,ai latifondisti, guidati in Puglia da Giuseppe Di Vittorio. Siamo brava gente, ma quando si tratta di accanici sui più deboli siamo i migliori. Ci siamo inventati la strategia della tenzione, le Brigate Rosse, La trattativa Stato mafia. Un doppio Stato. Lo hanno lasciato scritto a futura memoria, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Se non ti uccide la mafia, ti uccide un'altro magistrato.

Al D.A.P. sapevano da un anno, come per il G 8, senza una catena di comando, non possono accade pestaggi che ci umiliano tutti  davani agli Stati europei e al Mondo intero. La fatica di Antigone per far passare la legge sulla tortura è stataquella di Sisifo. Renderci affini agli stati più civili dell' intera Europa. Cobattiamo i sovranismi, il nazi-fascismo-stalinismo di alcuni stati dell' Est europeo e poi  ci facciamo trovare con le mani nella marmellata. Genova non la dimenticheremo mai! Tutto quel sangue sui pavimenti, ragazzine picchiate da morire, senza nessuna pietà. Bestioni di 2 metri bardati come Rambo, caricavano all'impazzata. Denti che volavano, mascelle e teste fratturate,era la Società civile che manifestava. Ma in che Mondo viviamo Sig. Presidente della Repubblica.

TAMBURINO_DAP.jpg

LE FOTO DEL CONVEGNO AL DAP

https://www.flickr.com/photos/22523260@N04/albums/72157643993495593

https://www.youtube.com/watch?v=VK_1dxolg1s&list=UUimztVfGZI_C3qhUy7fWu5Q

 

 

Scritto da Patrizio Gonella-Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna