Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie IL FUTURO E' OGGI
IL FUTURO E' OGGI
Domenica 25 Luglio 2021 07:41
candidata_Conegliano_5_stelle.jpg
 
 GODETEVI E GODIAMOCI LA STORIA DI CONEGLIANO, E' FANTASTICA
 
 
GENTILISSIME/I,
 
Conegliano è la mia città di adozione, vivono e lavorano i miei figli da circa venti anni, la prima volta che la visitai restai sbalordito per la bellezza, il centro storico è fantastico, il Castello poi, è il mio grande amore insieme a mio nipote Luca. La posizione permette di guardare un panorama come pochi, dall' alto le vigne del Prosecco sono ancora più belle. Sono di casa al Museo Sarcinelli, mostre di ogni genere, in particolare fotografiche, la mia grande passione. E' a due passi da Casarsa della Delizia, con il Centro studi  pasoliniani, lo frequento per le mostre e i convegni che periodicamente si tengono. Il Piave, il fiume sacro alla Patria, chi non ricorda Caporetto e la difesa della linea del Piave che, se fosse stata superata, avremmo perso la guerra. Sacrari dappertutto a ricordare la Grande Guerra. La storia, chi non la studia non ha futuro. La globalizzazione, la crisi economica, la cattiva gestione politica della città, l'hanno notevolmente depauperata. Attività commerciali storiche hanno chiuso, il centro è diventato triste,angoscia, serrande chiuse, una dopo l'altra. Conegliano deve rinascere, tornare a vivere e respirare, deve ritrovare entusiasmo e freschezza fisica di chi la  amministrerà. Donne e uomini giovani ed untusiasti, non contaminati dalla vecchia politica fatta di compromessi su compromessi. Scriveva il sociologo Borges: la vita è l'arte dell' incontro. Giovani idealisti che cercano altri come loro. Per realizzare il possibile dobbiamo pensare all'impossibile ( Weber ). La sensibilità di ognuno è il suo genio. Crescere culturalmente, vedere le cose da diverse angolazioni. 
 
 
RIPRENDIAMOCI IL FUTURO
 
CHI SONO  
 
Sono cresciuta in una famiglia molto unita. Ho vissuto in diversi quartieri: Cavallino, zona Ospedale e Monticella. Dopo la maturità classica ho frequentato la facoltà di Scienze Politiche all’ Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e lì ho iniziato a lavorare diventando un esperto di comunicazione pubblica ed istituzionale. Dopo quasi 18 anni, in cui non ho mai tagliato i ponti con la mia città, sono ritornata definitivamente a casa, a Conegliano, per crescere con Andrea i nostri due bambini. Il mio lavoro ora riesco a svolgerlo principalmente da remoto, con il computer con il telefono. 
 
Sarò un sindaco PORTA A PORTA,
di tutti i quartieri e a tempo pieno, perché questa è la politica che ho imparato a fare e quella necessaria per ripartire dopo il Covid.
Porterò con me l’esperienza che ho maturato in questi anni in Regione Lombardia affinché Conegliano torni a essere quella che era: una grande comunità. 
 
Voglio ascoltare le persone, i loro problemi e affrontarli al loro fianco e non contro di loro come troppo spesso abbiamo visto.
Il periodo di lockdown ha alimentato e acuito fragilità che prima erano solo nascoste.
Abbiamo visto morire persone da sole, abbandonate.
Pensiamo che gli anziani siano la vera memoria storica per le generazioni future, spesso dimenticate. La nostra volontà, invece, è quella di attivare, come sperimentato in altre realtà, nuove forme di socialità e di sostegno per l'assistenza domiciliare.  
 
Il mio primo impegno è che la nostra amministrazione sarà sempre presente, ogni giorno, anche nei momenti di difficoltà:
Sarà al fianco dei giovani, che non saranno più abbandonati a loro stessi offrendo loro possibilità e alternative. Penso per es. alle attività sportive anche a quelle discipline più nuove ed a un’offerta culturale rinnovata e degna della nostra città. Pensiamo anche ad un coinvolgimento degli Istituti Superiori per programmare assieme alle giovani generazioni la Conegliano futura.
Sarà al fianco delle attività imprenditoriali per studiare insieme forme nuove di sostegno e nuove modalità per facilitarne l’avviamento sia nella parte centrale della città che sta vivendo una forte desertificazione commerciale ma anche negli altri quartieri.
Sarà al fianco delle donne, che scelgano o meno di avere dei figli, garantendo loro quei servizi che permettano di trovare una conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa.
Sarà al fianco dei bambini perché una città dove vivono bene i bambini è una città dove vivono bene tutti.  
 
Non da ultimo il verde: bisogna favorire la presenza di aree verdi, spazi esterni da utilizzare, da vivere anche per le attività economiche. Mi immagino un parco giochi per i bambini dove non ci siano due giostre che servono due asili e una scuola elementare, mi immagino alberi che accompagnino le passeggiate nei marciapiedi. Mi immagino piste ciclabili che non sia pericoloso usare. Mi immagino scelte politiche razionali.
Insieme possiamo dare il via a una nuova stagione di sviluppo che metta alle spalle questa lunga crisi. Conegliano può tornare a essere la Perla del Veneto, un luogo in cui è piacevole vivere e la qualità della vita è per tutti. Solo così si riuscirà a combattere il degrado, far ripartire il commercio ed attirare investitori che ad oggi preferiscono investire o acquistare la propria casa nei comuni limitrofi dove si offrono servizi che funzionano e dove la qualità della vita ad oggi è sicuramente migliore.   
 
CHI SIAMO
Al mio fianco ho una squadra affiatata e preparata, professionalità pronte a dare ciascuna il loro contributo. Ci siamo avvicinati all’appuntamento elettorale con gruppi di lavoro partecipati e tematici che hanno lavorato molto anche al programma, sono arrivati contributi da persone che non si erano mai avvicinate alla politica, forse anche disamorate, esperienze e sensibilità diverse, ognuna indispensabile al raggiungimento del nostro scopo. Non si vince da soli, si vince con il contributo di tutti. Noi siamo pronti: Conegliano deve tornare a risplendere
Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna