Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Sardine a Bologna, Santori: “Siamo oltre 40 mila.
Sardine a Bologna, Santori: “Siamo oltre 40 mila.
Venerdì 27 Agosto 2021 07:17

LE_SARDINE_A_BOLOGNA.jpg

LE ELEZIONI NELLA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI BOLOGNA DELLE SARDINE, UNA ONDATA DI GIOVENTù E RINNOVAMENTO CULTURALE PER TUTTALA SINISTRA ITALIANA, MORTA E SEPOLTA

https://www.lastampa.it/politica/2020/01/19/news/sardine-a-bologna-santori-siamo-oltre-40-mila-noi-contattati-dai-cinque-stelle-1.38352564

Sardine a Bologna, Santori: “Siamo oltre 40 mila. Noi contattati dai Cinque Stelle”

Il leader del movimento: «Siamo qui per dire che un’alternativa c’è. Le elezioni punto di svolta. Mai incontrato Bonaccini»

BOLOGNA. "La piazza è tracolma di persone. Ci sono 35, 40mila persone perché anche il parco sul retro di piazza VIII Agosto" la cosiddetta Montagnola "è pieno di persone: questa è l'ennesima dimostrazione che a volte il buon senso, la parola, il non urlare, il non giocare sporco puo' ancora pagare". Lo ha detto il leader delle sardine, Mattia Santori, facendo un primo bilancio della manifestazione in corso a Bologna in piazza VIII agosto.

Sardine a Bologna, la folla intona "Bella ciao": le immagini dall'alto

“Siamo qui per dire che un'alternativa c'è”

 "Siamo qui oggi a Bologna per dire che un'alternativa effettivamente c'e' e da una piccola piazza si puo' arrivare a una grande piazza e si puo' arrivare addirittura a cambiare il risultato di un'elezione" aggiunge Santori.

“Elezioni punto di svolta, partecipate”
 "La nostra speranza è che queste piazze si traducano in una partecipazione anche elettorale, una presa di coscienza perché siamo ad un punto di svolta. Il punto di svolta non è oggi ma sarà tra una settimana e si capirà se siamo ancora destinati ad altri decenni di sovranismo e di squadrismo digitale oppure se possiamo aprire una nuova epoca fatta di relazioni e di democrazia partecipata" prosegue.

Santori: "Salvini deve essere processato per il Caso Gregoretti"

“Mai incontrato Bonaccini; contattati da M5S”
«Bonaccini? Mai incontrato. E' l'unico che neanche per vie traverse ha cercato di contattarci. Siamo stati contattati da qualcuno dei candidati in Emilia Romagna ma di tante liste diverse. Ci hanno contattato anche esponenti dei 5 Stelle, anche di spicco, però mai Di Maio» ha concluso.

Gentilissime/i,

C’è una città in Italia che sta per tornare al voto, al giudizio dei cittadini, Bologna, città simbolo di tutto il paese. In questa città si sono realizzate le maggiori conquiste riguardante i diritti, i diritti per tutti ma proprio tutti,come ha lasciato scritto Gino Strada. Città simbolo della Resistenza e dell’ antifascismo da sempre. Fin dagli anni 50, con la realizzazione delle Case del popolo, della sanità gratuita per tutti, i trasporti pubblici gratuiti. Le donne con gli stessi diritti degli uomini e la stessa dignità. Il lavoro al centro della vita pubblica, Bologna ha applicato per prima in Italia la Costituzione alla lettera. L’umanità e la solidarietà attinte a piene mani da chi scelse le libertà democratiche sapendo a cosa sarebbe andato incontro . Le donne Partigiane furono determinanti nella lotto al nazifascismo. Bologna subì pesanti umiliazioni dai gerarchi di Mussolini. La storia dell’ olio di ricino e del manganello piegarono la resistenza di molti cittadini ma non spensero mai gli ideali di libertà. Nel tempo perse la sua vera identità, il passato quasi cancellato, diventò sindaco della città un commerciante di carni, certo Guazzaloca. Bologna diventò una città dal cuore solo commerciale, i prezzi degli affitti delle case agli studenti provenienti in massima parte dal Sud, permisero solo a famiglie benestanti, la frequentazione delle sue prestigiose facoltà universitarie, i prezzi dell’ orto frutta e non solo salirono alle stelle, tutt'ora sono altissimi. Città bellissima, il centro storico godibilissimo, tutti i servizi, li trovavi e li trovi ancora oggi a Bologna. Laboratorio internazionale, la città di Umberto Eco, per tutti.

Bologna è stata la città più colpita dallo stragismo e dal terrorismo, la strage della stazione del 2 agosto 1980, fu la prova generale per sovvertire l’ordinamento democratico e instaurare un regime con la modifica della Costituzione. E’ di oggi che la Ministra degli Interni con l’appoggio di tutte le associazioni antifasciste presenti in Italia, ha fatto dimettere il parlamentare che voleva sostituire la piazza intestata a Falcone e Borsellino al nome del fratello del Duce, una provocazione intollerabile che andava immediatamente spenta dal Presidente del Consiglio. Una donna accerchiata, Luciana Lamorgese, vilipesa dalla Lega, partito che siede tra i banchi del Parlamento, appoggiato dalle destre sovraniste e anti europee.

 

Screenshot_2021-08-22_Comunali_Bologna_la_Sardina_Santori_nella_lista_Pd.jpg

Il Presidente dell’ associazioni stragi Paolo Bolognesi, parlamentare nella scorsa legislatura nel Pd, ha scritto a Mario Draghi, sulla desecretazione dell’ archivio che contiene i documenti del terrorismo in Italia, da Portella della Ginestra alla stazione di Bologna. Sono documenti sensibili, è necessario che ne faccia parte il Magistrato Gherardo Colombo, l’artefice dello scoprimento della lista della P2 a Villa Wanda ad Arezzo, di proprietà di Licio Gelli. La Ministra Luciana Lamorgese, da le massime garanzie, a lei ci appelliamo per convincere la Ministra della Giustizia Marta Cartabia, a fare quadrato, per la nomina di Gherardo Colombo. Magistrato espertissimo, la memoria storica dello stragismo e del terrorismo in Italia. Dobbiamo uscire dalla blindatura del governo, ci sentiamo esclusi dalla vita pubblica, la situazione nelle carceri è pazzesca, al limite dell’ esplosione. Draghi e la Cartabia sono stati di persona a Santa Maria Capua Vetere, hanno le relazioni dall’ Associazione Antigone, del prof. Universitario Gonnella, che da anni studia le carceri nei paesi civili, va coinvolto nel processo di rinnovamento e cambiamento delle regole all’ interno degli Istituti di pena.Il caso Cucchi è stato un massacro una vera vergogna.

Attualmente secondo le statistiche le destre sono maggioranza nel paese, la Puglia, la mia regione con l’intervento del Presidente della Regione, a favore del sindaco nazifascista di Nardò: In bocca al lupo al sindaco che ha fatto cadere i miei pregiudizi ideologici.

Nella pratica l’unica ideologia è quella fascista, dell’ on. Durangon, volto rassicurante e mite.

Abbiamo caricato su Joutube il documentario delle stragi, un documento di grande valore didattico e storico, vi suggeriamo di vederlo, è tempo ben impiegato. Ci sono immagini di repertorio e Tg della Rai, se applicano il coprigth, abbiamo il DVD originale che invieremo gratuitamente su richiesta. Grazie

https://www.youtube.com/watch?v=vMekefHcDvA

 

 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna