Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie IL GOVERNO PARALIZZATO DAI VETI
IL GOVERNO PARALIZZATO DAI VETI
Martedì 21 Settembre 2021 06:18

corteo_nazionale_gkn_fi.jpg

Fratoianni. La segretaria della Fion Re David: "Di cessasione non se ne parla", dice. E il collettivo di fabbrica medita di disertare il Mise.

In prima fila, con lo striscione "Insorgiamo" diventato simbolo della lotta, ci sono gli operai della Gkn, tutti in maglia blu. Dietro le maglie arancio del Collettivo donne e a seguire tutti gli altri, oltre 10mila persone all'inizio, poi più che raddoppiate a 25 mila, arrivate da Firenze e dal resto d'Italia non solo in solidarietà ai 500 operai licenziati il 9 luglio (422 quelli di Gkn più gli appalti), ma anche per chiedere nuove leggi a tutela del lavoratori.

In pratica sono circa duemila bocche da sfamare, bollette da pagare, il mutuo della casa, vari debiti contratti, i bambini da vestire e mandare a scuola, le attività sportive con le quote mensili da pagare, Ministro dell' Istruzione, in Francia si fanno quattro ore di educazione fisica a settimana, in più la piscina, tutti devono saper nuotare; ma prima di ogni cosa, la dignità dei lavoratori dei padri e delle mamme. Il cinismo della politica, la verifichiamo tutte le sere da Lilli Gruber a Otto e mezzo, e dalla Berlinguer a Carta bianca. L'unico politico che si salva  è Pier Luigi Bersani. Il Messia... Mario Draghi conn i suoi apostoli...predica al vento, l'economia è ripartita, non è vero, la scuola pure, non è vero, mancano ventimila docenti, gli insegnanti di matematica non esistono, chi si laurea per poi guadagnare 1300 euro al mese contro i 12.000 dei parlamentari con in più tutti i benefit inimmaginabili. Le larghe intese hanno messo il paese con le spalle al muro, è come se vivessimo in un ex paese dell' Est.

 

I sindacati ritrovino la loro missione, il loro spirito di combattenti per i sacrosanti diritti, un posto a tavola per tutti, a noi bastano le posate di acciaio, i bicchieri di vetro, i piatti dei grandi magazzini, ci vestiamo allegramente all' OVIESSE, prendiamo il sole sul terrazzo di casa. La solidarietà che hanno ricevuto gli operai brutalmente licenziati dai padroni, gli stessi della bolla speculativa che, mise in ginocchio il mondo. Ieri sera, con la storia terribile della Gkn, e con i problemi nelle carceri,si è contituato a parlare di Gren pass. Signora Gruber, in Francia hanno fatto la legge è si è chiusa la storia dei No Vax. C'è il dramma dell' Alitalia, perche non ne parlate, con chiamate gli scienziati dell' economia, i sociologi, i psicologi, i politici che si contendono la carica di sindaco a Roma. La Roma di ieri della Banda della Magliana,  dei Casamonica, condannati da una magistratura dalla persa verginità, in crisi di astinenza. La magistratura che negò che Roma, era mafiosa come e più della Sicilia.

Ha sempre predicatoi don Ciotti, di sporcarci le mani,  tutti insieme politici e non, contribuire al bene comune. La nostra città è commissariata per infiltrazioni mafiose, Roma, la capitale è stata sempre salvata. Essere commissariati per due anni è la morte civile, un marchio a fuoco incancellabile. Due anni di vita persi, nessuna iniziativa degna di note, tranne l'inagurazione dell' anno accademico da parte di Mattarella.

Non un posto di lavoro in più, Libera con don Giotti e Daniela Marcone, il padre dirigente dell' Ufficio Tecnico erariale, ucciso nel portone della sua abitazione dalla malavita foggiana, si era messo di traverso sulla concessione dei suoli edificatori. Hanno negli anni organizzato a Foggia decine di manifestazioni, in cambio abbiamo ricevuto i peggior sindaci degli ultimi 30 anni. Una città di 160 mila anime, un paesone morto e sepolto. I Vigili Urbani che dovrebbero tenere sotto controllo l'intera città, sono spariti dai radar. I lavori di manutenzione, assenti completamente, le strade sono diventate una idea, le buche profondissime squarciano i pneumatici e danneggiano la convergenza delle ruote, la traversa laterale altribunale, impraticabile, ci passano a decine avvocati e magistrati.

Lamorgese_2.jpeg

MINISTRA DEGGLI INTERNI LUCIANA LAMORGESE

La pista di pattinaggio alla Macchia gialla, dichiarata con una delibera dall' Ufficio Tecnico del Comune amministrato da Landella della Lega inagibile, è a disposizione dei bambini che rischiano la vita, mattonelle sollevate e barriere di protezione mancanti, con i ferri di sostegno sporgenti.

Ministra degli Interni, lei è di Potenza, due passi dalla nostra città Foggia, che sicuramente conosce benissimo e condivide le cose che scriviamo, lei sa per certo, le abbiamo inviato i simboli, il gargliardetto, un DVD professionale, racconta la manifestazione del 2 agosto a Bologna, il gemellaggio tra le città Bari, Bologna e idelmente Foggia,per la strage di piazza della Loggia,a Brescia il 28 maggio 1974, ha avuto modo di riascoltare in diretta lo scoppio della bomba che fece 8 morti e cento feriti, successivamente con Peaceful Tomorrow, l'associazione dei familiari delle torri gemelle di N.J.

Annullo_cartolina_Bologna.jpg

Le chiediamo ufficialmente di interessarsi alla nostra richiesta persso il Comune di Bologna, dove giace dal 2009, una delibera dell' intero Consiglio comunale, per la cerimonia del Gemellaggio che, non siamo riusciti ad ottenere nonostante l'invito del Comune a recarci a Bologna, per concordare data e modi. La cerimonia non ha nessun costo per il comune, tranne il Patrocinio. I simboli sono stati acquistati dal Comune di Bari, una cifra considerevole, sono custoditi presso l'associazione. Furono realizzati appositamente, con i migliori materiali in commercio, uno speriamo è esposto nella sua stanza al Viminale. Abbiamo chiamato ieri, ha risposto Andrea, ha chiesto il numero di cellulare, ci farà sapere.

pulsante_baribologna.jpg

Il giorno 14/08/2021 alle ore 13:06:36 (+0200) il messaggio
"Marilisa Magno Commissario Prefettizio" proveniente da "memoriacondivisa@pec.it"
ed indirizzato a:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ("posta certificata")

Il messaggio è stato accettato dal sistema ed inoltrato.
Identificativo messaggio: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I sindacati, la CGIL in particolare devono ritrovare la  vera anima, l'animo che aveva Giuseppe Di Vittorio.

 

 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna