Iscriviti alla Newsletter:
Home Notizie Organizziamo un evento antimafia nella piazza principale di Brescello
Organizziamo un evento antimafia nella piazza principale di Brescello
Mercoledì 06 Ottobre 2021 05:03

Screenshot_2021-10-06_Don_Camillo_e_peppone_a_brescello_la_statua_-_Ricerca_Google.jpg

https://www.youtube.com/watch?v=fLr5ISzruW8

https://www.flickr.com/photos/22523260@N04/albums/72157666983084698

il_ballottaggio_di_cerignola_dell_impre-321122865/?ref=RHTP-BG-I304110180-P3-S1-T1

GENTILISSIME/I,

è un dramma l' annullamento della politica, Foggia è una città di 160 mila abitanti, ma vale per tutte le città che perdono la guida, il punto di riferimento del confronto e delle istanze dei cittadini, la città muore prima di tutto culturalmente, non ne parliamo poi dell'economia, specie al Sud. Abbiamo un territorio bellissimo, il Tavoliere delle Puglie e il Subappenino Dauno, colline coltivate a grano e a Ulivi, che danno l'extravergine, olio DOP, a prezzi bassissimi, non più di 6 auro a litro. Produciamo frutta a quattro soldi, le pesche ad un euro al chilo, potrebbe essere una delle province più ricche del Sud. Le mafie se la sono divorata, abbiamo quella garganica, impenetrabile, mafia familiare, dove non esistono i pentiti. Ci compllmentiamo per il bellissimo e completo sito web. Un giovane brillante, Elia Minari, una grande risorsa per la lotta alla criminalità organizzata, preparatissimo, una realtà che va preservata e incoraggiata. Laureato con la lode a Bologna, nella materia più difficile della giurisprudenza, una specializzazione che vale oro. Vanno gli auguri di tutta l'associazione, che mi onoro di presiedere da più di venti anni. Le estorsioni ai commercianti sono all'ordine del giorno, come le bombe carta che fanno danni alle vetrine dei negozi e tantissimo panico, regolamenti di conti e morti per strada. Vigilare, non lasciare mai solo chi riceve minacce, la Comunità tutta deve collaborare con la magistratura e le forze dell' ordine, non ci sono scorciatoie.

A.M.

Organizziamo un evento antimafia nella piazza principale di Brescello, primo Comune sciolto per infiltrazioni mafiose in Emilia-Romagna.

Un'iniziativa da non perdere, per non abbassare l'attenzione in questo momento delicato!

L'evento si terrà questo Sabato, 9 Ottobre 2021, dalle ore 15.20 fino alle ore 16.10, in Piazza Matteotti a Brescello. E' la piazza principale di Brescello, dove vi sono le statue di Peppone e Don Camillo.

Interverranno:

- Lucia Musti, magistrato della Procura generale di Bologna, Pubblico Ministero di Appello del maxi-processo “Aemilia” e del processo “Aemilia '92” che ha recentemente portato a quattro ergastoli tra cui Grande Aracri;

- Elia Minari, giurista e scrittore, fondatore dell'Associazione antimafia Cortocircuito, autore di inchieste su Brescello e sulle mafie in Emilia-Romagna, coordinatore di corsi (www.eliaminari.it );

- Enrico Bini, ex presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia che denunciò la presenza delle mafie in Emilia, sindaco di Castelnovo né Monti.
 
cropped-Elia-Minari-Universita-di-Parma-Aula-Magna-2.jpg


La locandina dell'evento è visualizzabile al seguente link: www.cortocircuito.re.it

Si chiede cortesemente di comunicare la propria presenza appena possibile, rispondendo a questa mail "presente", in modo che sappiamo il numero dei partecipanti. 
L'evento è aperto a tutta la cittadinanza, quindi è possibile aggiungersi anche all'ultimo. 
 
Oltre alla cittadinanza, all'evento in piazza saranno presenti più di 50 studenti universitari e giovani.
 
In piazza sarà installato un palco per i relatori e le sedie per il pubblico, collocate correttamente distanziate per il rispetto delle misure anti Covid.

Grazie mille per la collaborazione.

A Sabato,

L'Associazione culturale antimafia Cortocircuito

Laureato con Lode, in corso, in Giurisprudenza all’Università di Bologna, con una tesi in Procedura Penale.
È stato premiato dal Rettore dell’Università di Bologna per i «risultati eccellenti» ottenuti a Giurisprudenza.

Dopo i cinque anni di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, ha proseguito la propria formazione giuridica presso l’Università Bocconi di Milano e l’Università di Pavia, conseguendo il Diploma della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, nonché Master di secondo livello.

É autore del libro-inchiesta “Guardare la mafia negli occhi”, sul tema della ‘ndrangheta nel Nord Italia, pubblicato da Rizzoli nel 2017 con la prefazione del Procuratore Nazionale Antimafia. Il libro raccoglie una parte dell’attività d’inchiesta realizzata da Elia Minari dal 2009 per otto anni.
Inoltre, è autore di contributi pubblicati all’interno di altri libri.

Elia-Minari-intervista-Tg3-nazionale.jpg

[Nella foto: una delle presentazioni del libro di Elia Minari in Germania.]

Dal 2009, quando frequentava il liceo a Reggio Emilia (dove è nato e cresciuto) e nei successivi anni da studente universitario a Bologna, realizzò numerose inchieste sulla ‘ndrangheta che vennero utilizzate in Tribunale e contribuirono a cinque indagini della magistratura relative alla criminalità mafiosa nel Nord Italia. Le sue inchieste vennero citate nel maxi-processo “Aemilia”, il più grande processo di mafia del Nord Italia e nel primo punto della relazione ufficiale di scioglimento per mafia del Comune di Brescello.

Da dodici anni coordina l’Associazione culturale antimafia “Cortocircuito”, da lui fondata, composta da giovani di diverse città del Nord Italia.

 


Scritto da L'Associazione culturale antimafia Cortocircuito- Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna