Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie LAVORO E LEGALITA' PER LA LIBERTA' D'IMPRESA
LAVORO E LEGALITA' PER LA LIBERTA' D'IMPRESA
Giovedì 30 Giugno 2022 16:24

locandina.jpg

https://www.youtube.com/watch?v=iFWARvxkras&t=54s

IL FILMATO DEL CONVEGNO 

GENTILISSIMI/E,

l'ex Procuratore Capo di Potenza, il dott. Massimo Lucianetti, ha ricordato la nostra amicizia sin dalla quarta elementare, presiede con Micky De Finis, l' Osservatorio per la legalita', presso la Camera di Commercio di Foggia. Ieri abbiamo avuto il piacere di ascoltare, per più di due ore,la narrazione del Procuratore della Repubblica Aggiunto di Foggia, dott. Antonio Laronga. Magistrato sul fronte della Criminalità Organizzata, da più di trenta anni. Conosce benissimo la realtà di una grande città, commissariata per infiltrazioni mafiose. E' una grande umiliazione per la popolazione onesta e laboriosa, la privazione dell'amministrazione pubblica, del sindaco e degli assessori, del Consiglio comunale. Una città dal futuro incerto, condizionato, depredato per anni, saccheggiato nelle Municipalizzate, spolpate fino all'osso e fatte fallire. L'Amgas, dove ho prestato servizio per trentacinque anni, fu venduta all'Ascopiave di Soligo, nel Veneto a prezzo di saldo. Una azienda centenaria passata dal carbon fossile, alla benzina grezza, al metano. La gallina dalle uova d'oro, la politica senza scrupoli, non ha voluto capire ragione, l'ha fatta morire di stenti. La cultura ci condanna, siamo stati nelle scuole per venti anni, abbiamo cercato di trasmettere i valori, ai docenti e agli studenti, abbiamo parlato di rivoluzione culturale, la cultura del lassismo, un peso che ci portiamo sulle spalle diventato insostenibile. Le Istituzioni, la giustizia, fino alla riforma di qualche giorno fa, non tiene conto della drammaticità che vivono i cittadini onesti. La video sorveglianza capillare ed efficiente, deve essere presa immediatamente in considerazione dal Prefetto, che sostituisce il Sindaco, devono essere reperiti i fondi al più presto, per chiudere le buche che sono diventate voraggini, che mettono a rischio le persone anziane e gli aumobilisti. IL PNRR, deve tenere conto prima di tutto del SUD. Draghi è responsabile di come verrano impiegati i fondi, una rete di controlli incrociati, deve evitare l'ennesimo fallimento della politica senza controlli.

IMG_20220629_180148_copia.jpg

Antonio Laronga, procuratore aggiunto di Foggia, presenta ‘Quarta mafia. La criminalità organizzata foggiana nel racconto di un magistrato sul fronte’. Laronga dialogherà con Antonio Nicaso (scrittore, storico e studioso delle mafie) durante l’iniziativa condotta da Pierluigi Senatore. E’ anche previsto il saluto del sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro. La ‘quarta mafia’ è la definizione mediatica delle mafie foggiane. Antonio Laronga, in magistratura dal ’93, è procuratore aggiunto di Foggia. Da oltre 20 anni si occupa di criminalità organizzata e delle mafie foggiane.

Nel giorno della conferenza stampa sull’operazione “Far West”, ha parlato il pm della procura di Foggia, Antonio Laronga. “Negli ultimi mesi stiamo dando risposte importanti sul piano del contrasto alla mafia. Il nostro obiettivo è di essere quanto più tempestivi nell’intervenire. In questi giorni, assieme al procuratore capo, Ludovico Vaccaro, stiamo ragionando su quale possa essere la strategia migliore per combattere ancora meglio la criminalità in questa provincia”.

9788831431316 0 536 0 75

Laronga, però, ha evidenziato due aspetti che ritiene fondamentali per arginare la malavita in ogni sua forma: “Serve una maggiore collaborazione da parte delle vittime. Il procuratore lo ribadisce ad ogni incontro ed approfitto per rimarcarlo anche io, qui, oggi. Ma non basta. A questo deve aggiungersi una maggiore videosorveglianza del territorio. Le telecamere, infatti, si sono rivelate spesso decisive negli ultimi casi di cronaca risolti. Allo stesso tempo, però, devo dire che la presenza della videosorveglianza è ancora precaria e al di sotto delle aspettative in provincia di Foggia”.

Proprio ieri, il Ministero ha annunciato finanziamenti per l’installazione di telecamere in alcuni Comuni della Capitanata. Ma c’è ancora tanto da fare per presidiare al meglio le città.

img278

 

 

 

 

 

 

 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna