Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie The Legacy Museum: dalla schiavitù all'incarcerazione di massa
The Legacy Museum: dalla schiavitù all'incarcerazione di massa
Lunedì 24 Ottobre 2022 07:04

photo2-1600x670_0.jpg

https://museumandmemorial.eji.org/museum

Il Museo dell'eredità: dalla schiavitù all'incarcerazione di massa si trova in un sito a Montgomery dove i neri erano costretti a lavorare in schiavitù. A pochi isolati da uno dei più importanti spazi per aste di schiavi in America, il Legacy Museum si trova a pochi passi dalla stazione ferroviaria dove decine di migliaia di neri furono trafficati durante il 19° secolo.   

Il Legacy Museum fornisce una storia completa degli Stati Uniti con un focus sull'eredità della schiavitù. Dalla tratta transatlantica degli schiavi e dal suo impatto sulle comunità costiere e settentrionali in tutta l'America attraverso la tratta e la ricostruzione degli schiavi domestici, il museo offre contenuti interattivi dettagliati e narrazioni avvincenti. Il linciaggio, la segregazione razziale codificata e l'emergere della carcerazione eccessiva nel 20° secolo vengono esaminati in profondità e riportati in vita attraverso film, immagini e narrazioni in prima persona. 
 

Situato in un sito in cui i neri ridotti in schiavitù sono stati costretti a lavorare in schiavitù, il Legacy Museum offre un'esperienza coinvolgente con tecnologia all'avanguardia, arte di livello mondiale e studi di importanza critica sulla storia americana.  

Insieme all'acclamato National Memorial for Peace and Justice, il museo offre ai visitatori un'opportunità unica per fare i conti con aspetti sfidanti del nostro passato. Un'ala della tratta degli schiavi transatlantici comprende più di 200 sculture e cortometraggi animati originali narrati dagli artisti pluripremiati Lupita Nyong'o, Don Cheadle e Wendell Pierce.

photo6-2420x1361

 

Un'intera ala del museo esplora l'economia della schiavitù, la violenza della schiavitù, la violenza sessuale contro le donne nere schiave, la mercificazione delle persone e gli sforzi disperati compiuti dalle persone schiave per rimanere in contatto con i propri cari.
 

Un'ampia mostra sulla ricostruzione documenta l'importante periodo di 12 anni della storia americana con una cronologia dettagliata, cortometraggi e resoconti narrativi in prima persona.

L'ampio contenuto del museo sul linciaggio è ospitato in un'ala che esamina il ruolo dei media durante l'era della violenza del terrorismo razziale. Le ultime parole delle vittime del linciaggio drammatizzano la sofferenza del terrorismo razziale imposto a intere comunità. I fatti sul linciaggio dei bambini aiutano i visitatori a capire l'entità del terrore e della violenza subite da molte famiglie.

I visitatori ascolteranno i resoconti in prima persona dei discendenti delle vittime del linciaggio e dei testimoni della violenza del linciaggio e scopriranno lo sforzo eroico per sfidare la violenza del linciaggio condotto da Ida B. Wells e da attivisti studenteschi che hanno protestato contro il linciaggio per anni.

Una straordinaria mostra contenente 800 vasetti di terriccio raccolti in tutto il paese nell'ambito del Community Remembrance Project di EJI è una dimostrazione unica e potente della crescente risposta della comunità alla resa dei conti con questo doloroso passato.
 

L'era di Jim Crow e il coraggioso movimento per affrontare la segregazione razziale vengono presentati con un'ampia esplorazione del boicottaggio degli autobus di Montgomery e del lavoro di leggendari attivisti per i diritti civili. L'iconografia di Jim Crow è drammaticamente presentata in una raccolta di segni e avvisi reali raccolti da tutto il paese. EJI ha anche compilato leggi e statuti che codificavano l'apartheid razziale in America affinché i visitatori potessero leggerli e sperimentarli.

Le barriere al voto per i neri sono presenti nel museo come una componente centrale di come la parità di diritti sia stata minata durante questa era. I visitatori possono sostenere un sondaggio e sperimentare come questi test arbitrari e umilianti sono stati utilizzati dai funzionari locali per privare i diritti dei neri.

Un'ala sull'incarcerazione di massa presenta più voci di persone che sono state ingiustamente condannate, ingiustamente condannate e trattate ingiustamente nel sistema legale americano. I visitatori impareranno a conoscere la difficile situazione dei bambini perseguiti da adulti, delle persone con malattie mentali, delle persone che vivono in povertà e di coloro che soffrono in condizioni brutali in alcune carceri e carceri della nostra nazione.

The Reflection Space onora centinaia di persone che hanno lavorato per tutta la vita per sfidare l'ingiustizia razziale. In un grande spazio caratterizzato da musica e immagini potenti, la storia della lotta ispira tutti a riflettere su ciò che possiamo fare per fare la differenza.

photo9-2420x1361

Il Legacy Museum comprende una galleria d'arte di livello mondiale con le principali opere dei più celebri artisti neri del paese, tra cui Glenn Ligon, Elizabeth Catlett, Alison Saar, Gordon Parks, Jacob Lawrence, Faith Ringgold, Deborah Roberts, Nelson Makamo, Carrie Mae Weems, Whitfield Lovell, Kwame Akoto-Bamfo, Sandrine Plante, Paul Briggs, Titus Kaphar, Romare Bearden, John Biggers, Dawn Williams Boyd, Kay Brown, Yvonne Cole, Simone Leigh e lo straordinario artista vernacolare Winfred Rembert.

La galleria comprende pezzi creati appositamente per il Legacy Museum e l'intera collezione è curata in dialogo con la narrativa storica del museo. Le collaborazioni con Wynton Marsalis, Jon Booz, Lil Buck, The Aeolians, Chrystal Rucker e Brandie Sutton esplorano il ruolo della musica e della danza nella comprensione della storia della nostra nazione e del ruolo delle arti.

In quanto sito fisico e programma di sensibilizzazione, il  Legacy Museum è un motore per l'educazione sull'eredità della disuguaglianza razziale e per la verità e la riconciliazione che portano a soluzioni reali ai problemi contemporanei.

Contatto

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

(334) 386-9100

 

Scritto da ticketing@eji.org |groupsales@eji.org   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna