Iscriviti alla Newsletter:
Il Futuro è la Pace
Home Notizie Peace Education To Inspire Future Generations!
Peace Education To Inspire Future Generations!
Giovedì 29 Dicembre 2022 17:16

data.jpg

6ef9679c-1ebf-47e4-8e78-e24da94efb99.jpg

In 2023, we will continue to participate in educational forums to spread our messages of
turning to peace and nonviolence in the face of tragedy.
Last February and in partnership with Bloomsburg University, 
September Eleventh Families for Peaceful Tomorrows (PT) members participated
in a live-streamed event to discuss
Recovery from 9/11: Twenty Years After: In Need of Restorative Justice.

"First and foremost, we must take an active role in educating the next generation
about the goodness of humanity, the importance of social and political justice,
and collective empowerment." 

Karen Shea, PT member and teacher

Help Us Inspire Future Generations!

Please consider monthly giving to build the most solid foundation for

Peaceful Tomorrows.

September 11th Families for Peaceful Tomorrows
P.O. Box 20145  | New York, New York 10025
(212) 598-0970 |  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Help Us Inspire Future Generation, there is a before and after in America, the before is the Civil War,

September11_Photo_Montage.jpg

The American Civil War, also known abroad as the American Civil War, was fought from April 12, 1861 to June 23, 1865 (the last battle ended on May 13, 1865) between the United States of America and the Confederate States of America, a political entity that arose from the confederal meeting of states secession from the Union.

In the presidential elections of 1860, Republicans led by Abraham Lincoln supported the prohibition of slavery in all territories of the United States, a proposal that the Southern states welcomed as a violation of their constitutional rights. The Republican Party, which was dominant in the north, secured a majority of electoral votes, and Lincoln became the first Republican president of the United States of America. Before his establishment seven southern states, whose economy was based on rice, tobacco and above all cotton plantations in which a very low-cost labor force made up of slaves worked, formed the so-called Confederation in February 1861, separating from the Union. In the six months prior to secession the population of these states had the highest percentage of slaves at a total of 48.7%.

The after is the attack on the Twin Towers with thousands of innocent dead, a devastation never seen before. America attached to the heart, in New York on 11 September twenty years ago. America for us Italians was the "Dream" America had welcomed thousands of emigrants, impoverished by the Great War of 1915-18. the American outlet was the salvation of miles and miles of starving and poorly dressed families. America a twinkle of lights with the Statue of Liberty in the background.

The freedom to be able to decide one's own destiny, America was Jazz, the Gospel, the Ritmen Blues, it was Harleme Louis Armstrog. Americans were the liberators in WWII. America has also been Vietnam and Indochina, Hiroshima and Nagasaki. America today has a big problem, the exponential spread of guns, guns of all kinds, weapons of war sitting in the basement waiting to be used. School massacres of innocents, the number of black dead is three times that of whites. In schools and associations, the reading of the book: DEAD from despair and the future of Capitalism by ANNE CASE AND ANGUS DEATON should be proposed. “We Americans are reluctant to acknowledge that our economy favors the educated classes and penalizes others. But this is exactly the situation, and Death of Despair shows how the impoverishment of the less educated has led to the loss of hundreds of thousands of lives, even as the economy has boomed and the stock market has soared (Atul Gawande, New Yorker ).

Dear Peaceful Tomorrows, you must tell young people the truth, the war that we have been experiencing in Europe for a year is devastating, for the Ukrainian people and for the economy of the Old Continent, we are the homeland of the Renaissance, by Dante Alighieri. Europe is the homeland of Romanticism, of Goethe. America is not seeking peace, it is interested in testing weapons on the ground, bending Russia, humiliating it, do you see the images coming from Ukraine, do you see Zeleski, does he look like a head of state? Refugees arrive in Italy, they have worked as caregivers for the elderly, they have put aside some money and bought a house in their country. They are without light and without heating, without air-raid shelters. They live in the rubble, they can't prepare a hot meal when this agony has to last.
In the name of the Victims of the Twin Towers, do something, create an anti-war movement. What is more beautiful and more just than Peace, claimed every day by Pope Francis. Our culture is linked to the life of St. Francis of Assisi, collect it from the young. Go back to being a civil rights leader.

Martin Luther King Jr. is an icon of the civil rights movement. His life and his works symbolize the search for equality and non-discrimination that are at the basis of the American dream, and of the human one.

 

«I have a dream»: «I have a dream». Was the Reverend Martin Luther King aware of engraving his words in the living marble of History? Yes, he was. That August 28, 1963, at the end of a protest march for civil rights, when he delivered his speech in front of the Lincoln Memorial in Washington, he was aware that he had spoken with words that would leave their mark: «I am happy to join you in this which will go down in history as the greatest demonstration for freedom in the history of our country,” said Luther King.
I have before me a dream, that one day every valley will be exalted, every hill and every mountain will be humbled, the rough places will be made smooth and the crooked places rad

GENTILISSIME/I,

Help Us Inspire Future Generation, c'è un prima e dopo in America, il prima è la Guerra di Secessione, 

La guerra civile americana, nota specie all'estero anche come guerra di secessione americana, fu combattuta dal 12 aprile 1861 al 23 giugno 1865(l'ultima battaglia terminò il 13 maggio 1865) fra gli Stati Uniti d'America e gli Stati Confederati d'America, entità politica sorta dalla riunione confederale di Stati secessionisti dall'Unione.

Nelle elezioni presidenziali del 1860 i repubblicani guidati da Abraham Lincoln sostennero la proibizione della schiavitù in tutti i territori degli Stati Uniti, una proposta che gli Stati del sud accolsero come una violazione dei loro diritti costituzionali. Il Partito Repubblicano, che era dominante nel nord, si assicurò la maggioranza dei voti elettorali e Lincoln divenne il primo presidente degli Stati Uniti d'America repubblicano. Prima del suo insediamento sette Stati del sud, la cui economia si basava sulle piantagioni di risotabacco e soprattutto cotone nelle quali lavorava una manodopera a bassissimo costo costituita da schiavi, nel febbraio 1861 formarono la cosiddetta Confederazione, separandosi dall'Unione. Nei sei mesi antecedenti alla secessione la popolazione di questi Stati aveva la più alta percentuale di schiavi per un totale del 48,7%.

Il dopo è l'attacco alle Torri Gemelle con migliaia di morti innocenti, una devastazione mai vista prima. L'America attaccata al cuore, a New York l'11 settembre di venti anni fa. l'America per noi italiani era il "Sogno" L'america aveva accolto migliaia di emigranti, impoveriti dalla Grande guerra del 1915-18. lo sbocco americano fu la salvezza di di miglia e miglia di famiglie affamate e malvestite. L'America un luccichio di luci con la statua della Libertà a far da sfondo.

La libertà di poter decidere il proprio destino, l'America era il Jazz, il Gospel, il Ritmen Blues, era Harleme Louis Armstrog. Gli americani sono stati i liberatori nella seconda Guerra Mondiale. L'America è stata anche il Vietnam e l'Indocina, Hiroscima e Nagasaki. L'America di oggi ha un grande problema, la diffusione esponenziale delle armi, armi di tutti i tipi, armi da guerra tenue in cantina in attesa di essere usate. Stragi nelle scuole di innocenti, il numero dei morti neri è il triplo di quelli bianchi. Nelle scuole, nelle associazioni va proposto la lettura del libro: MORTI per disperazione e il futuro del Capitalismo di ANNE CASE E ANGUS DEATON. << Noi americani siamo riluttanti a riconoscere che la nostra economia favorisce le classi istruite e penalizza gli altri. Ma questa è esattamente la situazione, e Morti per disperazione mostra come l'impoverimento de meno istruiti abbia portato alla perdita di centinaia di migliaia di vite, anche se l'economia ha prosperato e il mercato azionario è salito alle stelle ( Atul Gawande, NewYorker).  

Carissime di Peaceful tomorrows, ai giovani dovete raccontare la verità, la guerra che da un anno stiamo vivendo in Europa è devastante, per il popolo Ucraino e per l'economia del Vecchio continente, noi siamo la Patria del Rinascimento, di Dante Alighieri. L'europa è la patria del Romanticismo, di Goethe. L'America non sta cercando la pace, le interessa testare le armi sul terreno,piegare la Russia, umiliarla, le vedete le immagini che provengono dall' Ucraina, lo vedete Zeleski, vi sembra un Capo di Stato? In Italia arrivano i profughi, da noi hanno lavorato come badante delle persone anziane, hanno messo da parte dei soldi ed hanno comprato casa nel loro paese. Sono senza luce e senza riscaldamento, senza ricoveri antiaeri. Vivono in mezzo alle macerie, non possono prepararsi un pasto caldo, quando deve durare questa agonia.

In nome delle Vittime delle Torri Gemelle, fate qualcosa, create un movimento contro le guerre. Cosa c'è di più bello e di più giusto della Pace, reclamata tutti i giorni da Papa Francesco. La nostra cultura è legata alla vita di San Francesco d' Assisi, raccoltatelo ai giovani. Tornate ad essere leeder dei diritti civili. 

Martin Luther King Jr. è un'icona del movimento per i diritti civili. La sua vita le sue opere simboleggiano la ricerca dell'uguaglianzae della non discriminazione che stanno alla base del sogno americano, e di quello umano.

«I have a dream»: «Ho un sogno». Era consapevole, il reverendo Martin Luther King, di incidere le sue parole nel marmo vivo della Storia? Sì, lo era. Quel 28 agosto del 1963, al termine di una marcia di protesta per i diritti civili, quando pronunciò il suo discorso davanti al Lincoln Memorial di Washington era consapevole di aver parlato con parole che avrebbero lasciato il segno: «Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla Storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro Paese» disse Luther King.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E' questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

Dite ai giovani di sognare un'altra America, una america di Pace e di giustizia, un'America fatta di Diritti Civili, un'America ricca di Umanità! NO ALLA GUERRA SI ALLA PACE. 

MARIO ARPAIA

 

 

 

 

 

 

Scritto da Mario Arpaia   
PDF
Stampa
E-mail
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna