Errore
Al Liceo Scientifico A. Volta la medaglia della "Memoria Condivisa"
Venerdì 30 Maggio 2014 14:20

Aed._Pres_Rep

in data odierna, 27 maggio 2014, il Presidente della Repubblica ha voluto destinare, quale premio di rappresentanza per la manifestazione sulla Legalità tenuta dal Procuratore Nazionale Antimafia dott. Franco Roberti in data 26 maggio 2014, una medaglia per la Celebrazione della Giornata della "Memoria Condivisa"al Liceo Scientifico Alessandro Volta di Foggia.

Visualizza le foto dell'incontro

https://www.flickr.com/photos/22523260@N04/

sets/72157644905392814/

Intervista al PNA Franco Roberti

https://www.youtube.com/watch?v=7P83bGS-QDc

Il filmato dell'incontro

https://www.youtube.com/watch?v=zwjkQl0vDPo&index=

2&list=UUimztVfGZI_C3qhUy7fWu5Q

Foto_Roberti_Grilli-arpaia

Incontro ieri coi ragazzi del liceo Volta di Foggia sul tema “ I GIOVANI SENTINELLE DELLA LEGALITA’ E DEL FUTURO!” Che ritemprante ossigenatura incontrare gli sguardi dei ragazzi esigenti di conoscenza e verità, ascoltarne le domande fresche e penetranti. Condividere e tramettere credibilmente l’esortazione di Martin Luther King:”: “Ragazzi, qualunque sia la carriera che sceglierete, siate in parallelo sempre combattenti impegnati a favore dei diritti civili; fatene un elemento centrale della vita”. E come dice papa Francesco, non fatevi rubare la speranza! Ennio di Francesco.

Grilli_e_vice

E' stato emozionante accogliere il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti a Foggia, terra scelta dalla mafie per interrare i rifiuti tossici provenienti dal Nord Italia e dall' Europa. Foggia ha vissuto sulla sua pelle la sacra corona unita e l'indimenticabile strage del Bagatto, vedere seduti uno accanto all'altro i massimi rappresentanti delle istituzioni locali, ha stimolato e rassicurato i giovani ad andare avanti nella difesa della legalità. Per difenderla è necessario  come da sempre va predicando don Ciotti, di sporcarsi le mani, di denunciare chi non la rispetta, di chi si colloca fuori dalla convivenza civile. Legalità è sentirsi parte attiva della società, di quella parte che si mobilità per una città più pulita e senza buche, per una città dove le auto non parcheggino in doppia e tripla fila, dove se si è in difficoltà nella guida della propria vettura non si scateni un coro di clacson. Una città che adotti al più presto la raccolta differeziata e che la faccia con serietà, nel migliore dei modi, rispettando le regole. La presenza a Foggia del magistrato che coordina tutte le procure antimafia d'Italia è il segnale di una città che vuole cambiare, sospinta dalla forza e dall'entusiasmo dei giovani, dai docenti impegnati da una vita ad insegnare a diventare buoni cittadini che rispettano le leggi.

Ennio

Scritto da Mario Arpaia   
Stampa